5 IDEE PER REALIZZARE DEI PUPAZZI DI NEVE DI RICICLO

Gennaio è il mese della neve per eccellenza. Per questo, anche se ora nevica in modo molto meno regolare che un tempo, nel nostro immaginario continuiamo ad associarlo ai pupazzi di neve. Ma se la neve non c’è, come fare?

Attraverso dei lavoretti semplici e divertenti da far realizzare ai nostri bambini possiamo realizzare dei pupazzi di neve direttamente a casa nostra, non ci servirà andare a comprare chissà che cosa: possiamo usare materiali di riciclo!
Siete pronti? Cominciamo!

Rotoli di carta igienica

La prima idea è molto semplice e per questo potete realizzarla anche con i bambini più piccoli. Vi basterà prendere qualche rotolo di carta igienica finita e dipingerlo con la tempera bianca: questa sarà la base del vostro pupazzo di neve. Per le braccia invece dovrete cercare dei piccoli bastoncini di legno, praticare dei fori nei lati e incastrarceli. Una volta che avrete la base pronta potrete sbizzarrirvi con le decorazioni: potete usare dei semplici pennarelli indelebili o anche delle tempere per disegnare occhi, naso, bocca e bottoni. Oppure potete provare a comprare degli occhi mobili di quelli autoadesivi, in modo da dare al pupazzo uno sguardo un po’ pazzerello. Tutto quello che vi serve è un pochino di fantasia!

Polistirolo

Abbiamo usato la carta igienica, ora tocca al polistirolo! Prendete due palline di polistirolo: una più grande per il corpo e una più piccola per la testa e infilateci in mezzo uno stuzzicadenti, in modo da tenerle insieme senza che si veda. Poi costruite una piccola base con un cartoncino rigido e incollateci la pallina più grande con un punto di colla a caldo e uno spillo conficcato sul fondo. Ora avrete una base su cui lavorare sfruttando la porosità del polistirolo: infilate delle perline o dei bottoni in cima ad alcuni spilli e conficcateli nel corpo del pupazzo per creare occhi, naso, bocca e bottoni della giacca. Se poi volete un effetto ancora più particolare, prima di cominciare ad arricchire il pupazzo di dettagli, potete prendere una calza di lana bianca e usarla per rivestire il polistirolo, in modo da dare al vostro pupazzo un aspetto morbido e tenero.

Bicchieri termici

Avete presente i bicchieri termici? Quelli bianchi e lisci, che d’inverno troviamo sempre ai banchetti che distribuiscono vin brulé o tè caldo.

Si trovano anche in alcuni supermercati se non li avete in casa, e si adattano benissimo a fare da base per un pupazzo di neve: basta semplicemente capovolgerli e avremo un corpo bianco e liscio da decorare come preferiamo. Qualche idea?

Quali sono i due accessori che non possono mancare al pupazzo di neve?

Sciarpa e cappello ovviamente.

Ritagliando un po’ di stoffa nel feltro – o nel panno lenci, se preferite – realizzerete una morbida sciarpa da avvolgere attorno al bicchiere.

Infine, con un altro triangolino di tessuto, potrete realizzare un cono: incollateci in cima una pallina di cotone idrofilo e avrete pronto un berretto natalizio.

Tappi di sughero

Quanti spumanti avete stappato durante queste vacanze? Avete tenuto i tappi di sughero? Sì, perché i tappi degli spumanti con la loro forma un po’ a fungo si prestano benissimo a diventare il corpo di un simpatico pupazzo di neve in miniatura. Tutto quello che vi occorre è un po’ di tempera, della carta crespa e del cotone idrofilo: dipingete i tappi di sughero con la tempera bianca; poi quando asciuga aggiungeteci anche occhi, naso, bocca e bottoni con un po’ di colore nero e arancione. Ora manca solo un bel berretto, che potete realizzare con un rettangolino di carta crespa e un pochino di cotone idrofilo!

Lampadine usate

La prossima è un’idea adatta a quelli un po’ più grandicelli, perché richiede un pochino di attenzione. Prendete una lampadina usata e dipingetela come preferite: io in questo caso consiglio i colori spray, per creare un effetto semitrasparente.

Quando il colore è asciutto, mettete la lampadina a pancia in giù e dipingeteci i dettagli: usate i colori per vetro per ottenere un bell’effetto visivo e per far durare il colore a lungo. Se volete aggiungere un tocco di classe poi, potete attaccare dei ramoscelli ai lati per fare le braccia: per questo vi basterà qualche punto di colla a caldo. Ora non resta che appendere il vostro pupazzo di neve con una cordicella; se avete tanto tempo potete anche realizzarne più di uno e fare una piccola ghirlanda!

Pasta di sale

L’ultima idea è anche la più classica. Vi ho già spiegato qui come realizzare la pasta di sale: perché non provare a modellare anche dei pupazzi di neve? Possiamo realizzare tutto in pasta di sale oppure divertirci a mischiare, lasciando la base in pasta di sale e aggiungendo le decorazioni in altri materiali di riciclo, come pasta, legnetti, pigne, scampoli di stoffa e la paglia delle sedie vecchie: anzi quest’ultima possiamo usarla proprio per creare una piccola scopa da far tenere in mano al nostro uomo di neve!

Che ne pensate delle mie idee? E voi avete mai fatto dei lavoretti a tema pupazzi di neve con i vostri bambini? Com’è andata?

Scrivetemelo nei commenti!

Buona creatività

Benedetta

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!