COME PULIRE I CUSCINI

Anche la morbidezza ha bisogno di cura e pulizia e no, non sto parlando di quella del pelo di Nuvola (che comunque richiede attenzioni costanti!), bensì dell’igiene dei nostri cuscini. Sì perché spesso ci occupiamo di pulire tutta la casa sottovalutando, invece, l’importanza di una delle superfici su cui ci appoggiamo con più piacere.

I cuscini non sono tutti uguali. Io, per esempio, ne ho in giro per casa di svariate forme e consistenze, senza contare poi quelli che, ovviamente, uso per dormire. Sono un complemento d’arredo che mi piace molto, trovo che donino un tocco di allegria e stile alla casa.

Ma come si puliscono?

Per prima cosa è importante capire di che cosa sono fatti. A seconda del materiale, infatti, procedo con un trattamento diverso. Quando non sono certa del contenuto, poi, mi basta controllare l’etichetta. In generale, comunque, quelli che posseggo sono per lo più sintetici e in piuma d’oca mentre quelli che uso per dormire sono in lattice. Ma procediamo con ordine.

I cuscini sintetici sono per me i più facili da trattare in quanto meno “preziosi”. Solitamente scelgo un programma per lavaggi delicati che non superi i 40°con il sapone di Marsiglia avendo l’accortezza, però, di aggiungere nella vaschetta dell’ammorbidente un po’ di aceto e limone per rendere il risultato più morbido e igienizzato (vi ricordate questo articolo in proposito?). Una cosa che ho imparato con l’esperienza è quella di non mettere mai i cuscini a lavare da soli perché il lavaggio, per quanto delicato, con i suoi movimenti potrebbe rovinarli. Perciò inserisco anche asciugamani o altri panni che “ammortizzino” il processo e, ovviamente, non aziono mai la centrifuga. In questo modo scongiuro ogni eventuale danno. Li stendo poi in orizzontale per evitare che si sformino.

Per i cuscini in piuma d’oca il discorso è molto diverso. Essendo tanto delicati necessitano di qualche attenzione in più. Infatti, non utilizzo la lavatrice ma il lavaggio a mano. Per prima cosa mi accerto di eliminare per bene tutta l’eventuale polvere che hanno accumulato nel corso del tempo, magari come facevano le nostre nonne con il buon vecchio battipanni. Una volta pronti, a seconda delle dimensioni del cuscino, li immergo, se molto grandi, nella vasca mentre, se di piccole/medie dimensioni, in una capiente bacinella con acqua tiepida o fredda e del detersivo per capi delicati. In alternativa, utilizzo del semplice succo di limone e una manciata di sale grosso. Dipende da cosa avete in casa e come vi sentite più pratici. Lascio in ammollo una notte avendo poi cura di risciacquarli per bene prima di stenderli, come sempre, in orizzontale.

 

 

I cuscini in lattice sono quelli che preferisco per dormire. Per prima cosa, una volta sfoderati, mi accerto che non vi siano macchie o residui di sporco che, nel caso, rimuovo con un panno inumidito. Come molte fibre sintetiche, in linea di massima si possono lavare in lavatrice, ma è opportuno controllare l’etichetta che accerti questa possibilità. Quelli che ho io si possono inserire in lavatrice, che programmo con un lavaggio per delicati a freddo oppure mai superiore ai 30° utilizzando sempre il sapone di Marsiglia e un goccio di ammorbidente, oppure, aceto e limone. Se al termine del lavaggio noto ancora della schiuma, programmo un secondo risciacquo perché è molto importante che non rimanga alcun residuo. A differenza degli altri cuscini sintetici, qui utilizzo la centrifuga finale per eliminare la maggior parte dell’acqua senza il timore che si sformino. Per l’asciugatura procedo con il metodo orizzontale e all’ombra.

E quando il problema è l’ingiallimento?

Solitamente io pre-tratto i cuscini ingialliti prima di inserirli in lavatrice. Verso un tappo di sbiancante in un recipiente (o nella vasca) pieno d’acqua e sufficientemente capiente per il cuscino accertandomi che sia completamente immerso. Lascio in ammollo almeno 10 minuti e, in seguito, procedo sciacquando con abbondante acqua fredda per rimuovere tutti i residui di sbiancante. Dopodiché procedo con il lavaggio a mano per i cuscini più delicati o in lavatrice per quelli più resistenti.

E voi? Prestate abbastanza attenzione alla pulizia dei vostri cuscini? Avete qualche consiglio da condividere? Fatemelo sapere nei commenti!

 

Buon lavaggio a tutti,

Benedetta

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!