COME PULIRE IL PARQUET

Quanto è caldo ed elegante un ambiente con il parquet? Rispetto a pavimenti in ceramica o in altri materiali, il legno di sciuro sa dare alle stanze un calore particolare. Tanto è bello a vedersi quanto, ahinoi, delicato e bisognoso di attenzioni. Con il tempo, l’esposizione alla luce, all’aria e all’umidità può, infatti, alterare l’aspetto del legno o danneggiarlo. Oggi esistono tipologie e finiture che rendono semplice la manutenzione del parquet ma questo materiale richiede comunque un’attenta cura.

Per evitare di dover far levigare o addirittura rigenerare il parquet (sono operazioni costose) la cosa fondamentale è la pulizia. In commercio, ovviamente, troverai numerosi detergenti specifici ma ci sono soluzioni casalinghe altrettanto efficaci. In questo non modo, non solo rispetterai l’ambiente ma risparmierai nei tuoi acquisti garantendoti un parquet lucido e senza aloni. Ecco, allora, qualche consiglio utile su come pulire il parquet con metodi naturali.

 

Che tipo di parquet hai?

Per poter mantenere al meglio il tuo parquet di casa è opportuno innanzitutto conoscerne tipo di legno e finitura. Il legno, infatti, è un materiale organico e il modo in cui viene trattato ne modifica l’aspetto e la qualità. Per questo non devi mai abbassare la guardia! Tra i legni più diffusi per il parquet ci sono noce, teak, rovere e faggio. Questi vengono verniciati o trattati con olio.

Da qui la suddivisione principale tra parquet verniciato e parquet oliato. I primi possono essere puliti quotidianamente con un panno in microfibra inumidito con acqua ed eventualmente aceto. In alternativa, vanno bene anche i prodotti che utilizzi normalmente sulla ceramica. Il parquet oliato, invece, può essere pulito con un semplice panno in microfibra bagnato. In questo caso, attenzione: mai usare l’aceto, perché danneggerebbe le superfici.

 

La manutenzione quotidiana contro la polvere

La prima operazione da compiere per mantenere lucido il parquet è eliminare la polvere quotidianamente. I raggi del sole, infatti, mostrano impietosamente qualsiasi deposito di polvere che togliere splendore al legno. E poi, diciamolo: quello strato opaco e grigio sul pavimento non è un bel biglietto da visita per gli ospiti!

Per eliminare la polvere, qualche briciola e piccoli pelucchi, puoi ricorrere all’aspirapolvere o a un panno morbido, meglio se antistatico. Passa con delicatezza in ogni angolo in modo da sollevare ogni granello. Evita, invece, di usare prodotti abrasivi e acidi come (candeggina e ammoniaca) e non esagerare con l’acqua. Un’eccessiva quantità rischierebbe di far gonfiare il legno.

Lavare il parquet con metodi naturali: alcool, limone e olio d’oliva

Dopo aver eliminato ogni traccia di polvere, puoi procedere al lavaggio del tuo parquet verniciato. Questa è un’operazione che puoi compiere con minore frequenza rispetto alla precedente. Per ottimizzare il risultato, cerca sempre di procedere secondo la direzione delle venature: il risultato sarà impeccabile. Badando sempre a non versare direttamente l’acqua sulla superficie, puoi pulire con un panno imbevuto di acqua e alcool.

Un’altra soluzione con cui lavare il legno è la miscela fatta con succo di limone e olio d’oliva. Questo metodo è efficace nello sgrassare e nutrire il legno. Puoi seguire queste dosi: versa 20 gocce di succo di limone in 100 ml d’olio. Agita vigorosamente e travasa  la soluzione in un contenitore spray con cui distribuire il prodotto sul parquet.

 

Aceto, oli essenziali e cera d’api per la lucidatura

Anche l’aceto, nei suoi molteplici utilizzi, è efficace per la pulizia dei parquet verniciati. In questo caso, per profumare l’ambiente, puoi aggiungere anche qualche goccia di olio essenziale alla menta. Procedi aggiungendone 20/30 gocce in mezza tazza d’aceto; quindi, imbevi un panno e passalo sul pavimento seguendone le venature.

L’ultimo passaggio per completare la manutenzione del parquet è la lucidatura con la cera d’api. Prepara una miscela facendo bollire circa 1 lt di birra con un cucchiaino di zucchero e due di cera. Lascia raffreddare in modo che il composto si rapprenda, quindi stendilo sul legno e aspetta che asciughi. Infine, con un panno morbido e asciutto lucida tutto il pavimento. Una valida alternativa, è l’olio di lino con del succo di limone e qualche goccia di olio essenziale di agrumi. Vedrai il tuo parquet splendere! Non ti resta che provare la soluzione più adatta alla tua casa: buona pulizia!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su COME PULIRE IL PARQUET

  • Antonella - 11 novembre 2017 11:52

    Buongiorno Benedetta,
    Sono un professionista del settore legno e Ritengo che quello che ha scritto non è assolutamente corretto. Sono indicazioni completamente sbagliate. Sui pavimenti verniciati non bisogna usare prodotti aggressivi nè troppo acidi né troppo alcalino ma bensì è un detergente neutro. Sui pavimenti oliati Invece bisogna utilizzare prodotti che nutrono , e usare prodotti di manutenzione da utilizzare almeno una volta all’anno

  • Enrico - 11 novembre 2017 9:05

    Buongiorno Benedetta, leggendo i tuoi consigli per la pulizia e manutenzione del parquet volevo sapere se hai chiesto delle informazioni ad un professionista… se non l’hai fatto ti consiglio di informarti bene, specialmente per i pavimenti in legno oliati. Enrico