COME PULIRE L’ORO

Se ti stai chiedendo come pulire l’oro dei tuoi gioielli, di un oggetto a te caro o di una magnifica collezione di monete, ecco qualche consiglio per far si che i tuoi oggetti ritrovino nuova vita e brillantezza.

L’oro, come tutti i metalli, tende a ossidarsi. Te ne accorgi perché diventa opaco, scuro e fa macchiette perdendo la bellezza e la luminosità originale. Questo metallo prezioso è sensibile al passare del tempo, ma anche ai prodotti per la cura del corpo quali profumi, creme e saponi che innescano una reazione chimica dannosa per il prezioso materiale. Ecco perché che va trattato con cura.

 

I prodotti comuni per pulire l’oro

Il primo metodo per pulire l’oro è il più diffuso e sicuro. Ti basteranno:

  •  una pentola
  • detersivo sgrassante a ph neutro
  • alcol denaturato (oppure dentifricio e aceto bianco)
  • ovatta
  • acqua
  • una spazzola morbida
  • un panno

Immergi gli oggetti d’oro in una pentola piena d’acqua, mettila sul fornello a fiamma media e portala a ebollizione. Spegni la fiamma, aggiungi una piccolissima quantità di detersivo per piatti a ph neutro e lascia tutto in immersione. Dopo 30-40 minuti risciacqua gli oggetti con abbondante acqua fredda e asciugali con un panno morbido. Prendi l’ovatta e bagnala con l’alcol denaturato. Con questa soluzione strofina gli oggetti o i gioielli e riscoprirai un oro splendente.

In caso di monili intrecciati o a trama stretta è preferibile usare uno spazzolino con setole bagnate d’alcol. Se preferisci usare dentifricio o acqua e aceto bianco ricordati di risciacquare gli oggetti a fondo per non lasciare residui. Per la lucidatura finale passa di nuovo il panno morbido. Va bene anche il panno che si usa per gli occhiali. Questo metodo è ottimo per pulire l’oro giallo cioè quello puro a 14, 18 e 24 carati. Se hai oro bianco è meglio affidarsi a un professionista. Per pulire l’oro rosso (formato da oro, rame o argento) il sistema migliore è passare una spugnetta di acqua e ammoniaca e asciugare accuratamente.

Pulire l’oro con un panno

Tra le soluzioni per un oro splendente c’è anche l’impiego di panni per la pulizia del metallo luccicante. In commercio li trovi sotto forma di rettangoli o quadrati, ma anche di guanti (scegli questa tipologia se hai le mani delicate e sensibili). Pulire l’oro così è pratico e veloce, ma devi fare attenzione a quale panno compri. Ne esistono due tipi. I panni a un solo strato che eliminano la polvere e lo sporco accumulati effettuando anche una leggera lucidatura. I panni a due strati che sono molto più efficaci: il primo strato pulisce l’oro con un’azione intensa, il secondo elimina l’ossidazione, ne rallenta la ricomparsa e lucida. Preferisci sempre quelli 100% cotone. Sono riciclabili, dunque eco-friendly e a impatto zero sull’ambiente.

La frequenza di utilizzo? Anche ogni giorno, ma una volta al mese trova il tempo di eseguire una pulizia più profonda secondo quanto indicato in precedenza.
In commercio naturalmente non esistono solo panni tra i metodi su come pulire l’oro. Troverai prodotti in pasta o liquidi. Sono validi? La risposta è sì. Sono realizzati da marche specializzate, sono affidabili, delicati e mai abrasivi. La pasta è più indicata per gioielli, cornici o oggetti decorati e spigolosi. I liquidi sono adatti alla pulizia di monili e oggetti lineari. I prodotti a immersione (con il cestello) sono perfetti per pulire oro con diamanti e pietre preziose. Le fasi di risciacquo e asciugatura devono essere precise.

Pulire monete e orologi in oro

Non ci resta che capire come pulire monete e orologi in oro. Le monete d’oro non si possono e non si devono detergere con i metodi fin qui descritti. Ti consigliamo di pulirle con un panno morbido solo quando sono nuove. In caso di polvere, basterà acqua tiepida e sapone neutro. Vietati altri prodotti. Un eventuale graffio, infatti, potrebbe compromettere il valore della moneta stessa, quindi sii molto cauta.

Le monete d’oro antiche invece non vanno mai pulite. Per i numismatici la patina del tempo aumenta il valore dell’investimento e non lo diminuisce. È buona prassi conservare le monete nelle apposite bustine di plastica trasparente per impedire che si rovinino.
Per pulire l’oro degli orologi, utilizza il solito panno di cotone morbido inumidito e non bagnato con acqua tiepida. Se l’orologio è subacqueo e senza cinturino in pelle puoi immergerlo in una bacinella d’acqua con qualche goccia di detersivo neutro. Asciuga senza lasciare zone umide. Se usi l’orologio d’oro tutti i giorni lavalo una volta a settimana, se lo usi di rado puoi pulirlo ogni due mesi.

Infine, ti voglio rivelare due rimedi antichi naturali. Le nostre nonne sapevano come pulire questo metallo prezioso e ottenere un oro splendente. Un primo metodo è strofinare la polpa di pomodoro fresco sull’oggetto e poi asciugare. Un secondo procedimento è immergere il gioiello, con o senza pietre, in una vaschetta con acqua tiepida e una compressa per dentiere. Queste pasticche liberano ossigeno eliminando lo sporco annidato negli angoli. Prova! Il tuo oro deve essere abbagliante!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!