COME TOGLIERE IL SILICONE

Il silicone è considerato il sigillante per eccellenza. Quando lo si utilizza è quasi impossibile non farlo uscire dai bordi e togliere quello in eccesso rende le superfici più omogenee. Il silicone trova largo uso per sigillare box doccia, vetri e tanto altro. Raschietti e taglierini sono un valido aiuto per eliminarne i residui, ma non sono adatti per ogni superficie. Andiamo a vedere come fare per togliere il silicone in modo efficace senza danneggiare le superfici.

Togliere il silicone fresco o asciutto

Se hai appena messo il silicone puoi toglierlo con stracci asciutti. Se ti sei reso conto della sbavatura quando il silicone già ha iniziato ad asciugarsi, aspetta che si asciughi del tutto ed utilizza un taglierino per tagliare le parti in eccesso. Nel caso in cui per rimuovere il silicone hai bisogno di utilizzare il taglierino, agisci con molta cautela, con incisioni leggere, per evitare di andare a fondo e graffiare anche la superficie. Per le macchie di silicone sulle mattonelle, un alleato efficace è il raschietto. Basta un po’ di pazienza per eliminare ogni tipo di traccia di silicone dalle mattonelle senza utilizzare alcun prodotto chimico.

Per ammorbidire il silicone puoi utilizzare diversi metodi, tutti molto efficaci. Ad esempio puoi aiutarti con un phon per capelli impostando il massimo calore. Oppure puoi spruzzarci dell’acqua calda da o poggiarci delle pezze bagnate per qualche giorno. Togliere il silicone rendendolo più morbido eviterà di graffiare o scheggiare le superfici. Una volta ammorbidito puoi rimuovere il silicone con un taglierino od una spatola professionale. I taglierini hanno una punta molto affilata per questo necessitano di particolare attenzione durante il loro uso. A scopo precauzionale è sempre consigliabile indossare un paio di guanti prima di utilizzare qualsiasi tipo di taglierino.

Alcune precauzioni

Attenzione a non posizionare mai la punta del taglierino perpendicolarmente alla superficie e a non eseguire tagli profondi, preferendo incisioni leggere e superficiali. Incidendo il silicone al lato superiore ed inferiore potrai rimuovere l’intera striscia con le mani. Un metodo semplice e veloce, ma efficace solo quando si deve agire su superfici lisce. Una volta rimossa la striscia di silicone molto probabilmente ti ritroverai a dover fare i conti con muffa o residui di silicone.

Controlla bene di aver rimosso il silicone anche dalle fughe delle mattonelle e da ogni fessura. Dopodiché imbevi un panno con alcool denaturato e passalo sulla superficie. Vedrai che in poco tempo andrà via ogni residuo di silicone. Poni particolare attenzione nell’uso dell’alcool nel caso in cui il silicone si trova su superfici delicate, in quanto la sua aggressività potrebbe rovinare la laccatura dei mobili. In alternativa puoi utilizzare un comune sgrassatore per pulire i forni, diluendo un bicchiere di sgrassatore in mezzo bicchiere d’acqua.

Se devi togliere il silicone dal vetro puoi spruzzare dell’alcol denaturato su tutta la superficie da trattare. Attendi qualche minuto e passa un raschietto sulla superficie: vedrai che verranno via tutti i residui di silicone.

Non ti resta altro che procurarti taglierini, raschietti, pezze vecchie, spatole professionali, uno spruzzino ed alcool denaturato per rimuovere tracce di silicone da ogni superficie.
Buon lavoro!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!