MILLE USI DELLA CENERE

Oggi vi suggerirò tanti possibili usi che si possono fare con la cenere. Se state pensando di gettare la cenere del vostro camino, della vostra stufa a legna o del barbecue  fermatevi! Ho qui tanti consigli da darvi! La cenere potrete usarla per realizzare tante soluzioni alternative per la cura della casa, per il vostro giardino o l’orto.

LA LISCIVIA O LA LISCIVA

Quanti di voi hanno sentito parlare della liscivia? La liscivia è un composto derivato dalla cenere di legna, anticamente adoperata dalle nostre nonne a scopo detergente o per sbiancare i panni. Oggi in giro per i supermercati siamo abituati a vedere scaffali pieni di detersivi di ogni genere, ma se ci pensate le nostre nonne lavavano i panni davvero con poco e praticamente a costo zero, usando proprio la liscivia! Realizzarla in casa è molto semplice: mettete in una pentola una parte di cenere e 5 parti di acqua di rubinetto, fate bollire per circa 2 ore, mescolate di tanto in tanto e lasciate riposare per circa 12 ore. A questo punto filtrate l’acqua con l’aiuto di un colino ricoperto con un telo di lino o di cotone sottile; il liquido ottenuto è proprio la liscivia. Adesso potrete aggiungerla al detersivo che utilizzate abitualmente per fare il bucato.

PULIRE I VETRI DALLO SPORCO DIFFICILE

Questo è un trucchetto che mi ha insegnato mia nonna. I vetri particolarmente sporchi, come quelli del forno o del caminetto, io li lavo con la cenere. Prendete due ciotole, mettete in una dell’acqua tiepida e nell’altra della cenere di legna, setacciata da eventuali residui. Inumidite la spugnetta e passatela sulla cenere. A questo punto sfregate energicamente il vetro rimuovendo lo sporco. Di tanto in tanto sciacquate la spugna, passatela nuovamente sulla cenere e continuate a pulire. Durante tutta l’operazione di pulizia proteggete le vostre mani usando dei guanti in lattice. Inizialmente vi sembrerà che questa operazione sia inefficace, anzi di sporcare ancora di più, ma sciacquando con dell’acqua vi accorgerete che il vetro pian piano tornerà pulito. Ci tengo a precisare che questo metodo non è magico e che comunque occorre buona volontà e olio di gomito; in realtà sfruttiamo la potassa naturalmente contenuta nella cenere che ha delle proprietà sgrassanti.

PULIRE LE PENTOLE

Potete utilizzare la cenere di legna per la pulizia e la lucidatura delle pentole in acciaio inox o alluminio. Setacciate la cenere di legna con un colino, versatene 2 o 3 cucchiai in una ciotola e aggiungete lentamente dell’acqua fino a formare una crema. Con l’aiuto di una spugnetta sfregate la crema sulla parte da pulire. Il grasso e le incrostazioni verranno rimossi senza particolari detergenti e in modo del tutto naturale.

PULIRE L’ARGENTERIA

Anche questo è un insegnamento di mia nonna, pulire e lucidare l’argento con acqua e cenere! In questo caso più che mai assicuratevi di setacciare bene la cenere, altrimenti rischiate di graffiare i vostri oggetti in argento. Create una crema aggiungendo qualche goccia d’acqua tiepida a della cenere. Passate e strofinate questa mistura delicatamente con una spugnetta e vedrete che la vostra argenteria tornerà a splendere.

ALLONTANARE LE LUMACHE DALL’ORTO

Avete problemi di infestazioni di lumache nel vostro orto? La cenere è la soluzione che fa per voi! Cospargete il perimetro del vostro orto con della cenere, impedendo così alle lumache di potervi entrare. Ovviamente questo è un rimedio preventivo, quindi se l’infestazione è già in atto dovrete prima rimuovere tutte le lumache manualmente. La cenere è assolutamente biologica e atossica, quindi anche se avete animali non correrete alcun rischio.

SCIOGLIERE IL GHIACCIO

Come il sale, anche la cenere è un’ottima alleata per sciogliere il ghiaccio in caso di nevicate. Cospargete di cenere il vostro vialetto di casa o il cancello di accesso; in caso di gelate notturne questo trucchetto farà sciogliere il ghiaccio molto velocemente!

RIMUOVERE LE MACCHIE DI TINTA

Se siete solite fare la tinta dei vostri capelli in casa e accidentalmente vi sporcate la cute, niente paura anche stavolta la cenere viene in vostro aiuto! Questa volta mia zia, parrucchiera di grande esperienza, mi ha suggerito questo piccolo trucchetto. Mettete un po’ di cenere in un piattino, abbiate sempre cura di setacciarla, aggiungete qualche goccia di acqua e formate una crema. Prendete un dischetto per il trucco o un batuffolo di cotone e sfregate dolcemente sulla parte interessata, lasciate agire per qualche minuto, sciacquate e le macchie saranno andate via.

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

10 CONSIGLI PER ORGANIZZARE E CONSERVARE IL CIBO IN FRIGO

10 ALIMENTI DA TENERE SEMPRE IN CUCINA

CONSIGLI PER ORGANIZZARE E CONSERVARE IL CIBO IN FREEZER

10 UTENSILI INDISPENSABILI PER FARE DOLCI IN CASA

COME ORGANIZZARE UNA CENA ROMANTICA

 

Articolo scritto da Benedetta

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su MILLE USI DELLA CENERE

  • Alice - 29 Giugno 2019 8:19

    Ottima idea per pulire le macchie sui vetri😘

  • Teresina - 3 Aprile 2019 0:46

    Tutto vero , di buon senso e cosa non trascurabile persino di etica ambientalista .
    Solo un piccolo suggerimento ! Quando io faccio la lisciva dopo la colatura del liquido tengo la pasta di cenere per tutti quegli usi in cui consigli di impastare la cenere . Uso la cenere asciutta per pulire recipienti dell’olio o il tegame della frittura . Lascio la cenere agire e assorbire per qualche ora e sciacquo con acqua calda . Uno splendido risultato .

  • Donatella - 13 Marzo 2019 20:27

    Ciao, io uso la cenere per pulire casa da qualche mese, avendo una stufa a legna ne ho in abbondanza. Vorrei quindi aggiungere che la lisciva, opportunamente diluita, diciamo un bicchiere in un litro d’acqua, è ottima per pulire i vetri e la ceramica, per pulire il gres porcellanato serve una diluizione maggiore ma il successo è assicurato. La pasta di cenere residua della cottura fa splendere e sgrassa le pentole e le padelle e toglie lo sporco più ostinato dal vetro della stufa senza nessuna fatica.

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 14 Marzo 2019 10:03

      Brava Donatella 🙂