OLIO DI IPERICO FATTO IN CASA

Oggi vi spiegherò come fare in casa l’olio di iperico, un valido rimedio della tradizione popolare per trattare scottature, irritazioni, punture di insetti e altri piccoli problemi della pelle. La ricetta è antichissima ed è conosciuta soprattutto da chi vive in campagna per le sue mille proprietà benefiche. A casa mia si prepara da sempre; appena arriva la bella stagione, vado a raccogliere i fiori di iperico e mi metto subito all’opera! La tradizione vuole che i fiori di iperico vengano raccolti il 24 giugno, giorno in cui si festeggia San Giovanni, ecco perché molti chiamano questa preparazione olio di San Giovanni. In realtà i fiori di iperico si possono raccogliere per tutto il loro periodo di fioritura, quindi da giugno a settembre… però non vi nascondo che se riesco a raccoglierli proprio il 24 giugno, mi sembra che l’olio venga meglio! Vediamo subito come preparare questo prezioso oleolito.

L’IPERICO

olio di iperico fatto in casa

L’iperico è una pianta erbacea perenne molto comune nelle nostre campagne. Il suo fiore è di colore giallo oro ed è formato da cinque petali. Riconoscerlo tra le altre piante è facile, anche perché se strofiniamo il fiore tra le mani ci resteranno macchiate di rosso. Di conseguenza l’olio che si produce con i fiori assume un caratteristico colore rosso rubino.

COME FARE L’OLEOLITO DI IPERICO

Per prima cosa raccogliamo i fiori di iperico; per realizzare l’olio infatti non servono né gli steli né le foglie. Vi consiglio di scegliere piante in aperta campagna, lontane dallo smog e dalla polvere della città. Stacchiamo tutto l’apice fiorito della pianta, vanno bene anche i boccioli ancora chiusi. Raccogliamo una quantità sufficiente di fiori per riempire il barattolo in vetro dove realizzeremo l’olio; vi consiglio di “schiacciare” leggermente i fiori per farne entrare il più possibile! Riempito il barattolo di fiori, versiamo una quantità di olio sufficiente a ricoprirli completamente. La ricetta tradizionale prevede l’utilizzo di olio d’oliva, ma va bene qualsiasi tipo di olio, come ad esempio quello di riso, di soia o di girasole. Chiudiamo adesso il barattolo con il coperchio e mettiamolo al sole per circa 30 giorni. Ogni giorno dovremo solo scuotere il barattolo per mescolare il suo contenuto. Trascorso il tempo di macerazione, l’olio avrà assunto un bel colore rosso intenso e andrà filtrato. Prendiamo un colino a maglie strette, rivestiamolo con un panno in cotone e filtriamo il contenuto del barattolo. Alla fine di questa operazione possiamo strizzare i fiori che si saranno raccolti nel panno in cotone, volendo possiamo aiutarci anche con uno schiacciapatate. L’oleolito di iperico è pronto! Per conservarlo al meglio, mettiamolo in una bottiglia di vetro scura, come quella che si usa normalmente per l’olio di oliva.

COME USARE L’OLIO DI IPERICO

L’olio di iperico è estremamente  lenitivo per la pelle, di conseguenza va bene per le irritazioni, i rossori, le scottature solari, piccole ustioni e punture di insetti. Alcuni usano l’olio di iperico anche per curare l’herpes labiale. L’olio di iperico inoltre è usato come ingrediente per prodotti cosmetici; molti infatti dicono che abbia proprietà antirughe e che riduca le smagliature.

CONTROINDICAZIONI

L’olio di iperico è normalmente ben tollerato da tutti i tipi di pelle, tuttavia è meglio testarlo prima in una piccola zona del nostro corpo per accertarsi che non produca nessuna reazione allergica. Attenti anche ad esporre la zona di pelle trattata con l’olio ai raggi diretti del sole perché potrebbe arrossarsi. Ricordo inoltre che l’olio di iperico è solo per uso esterno e non va mai ingerito. Scrivetemi nei commenti se conoscevate l’olio di iperico e tutte le sue proprietà benefiche.

Articolo scritto da Benedetta

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su OLIO DI IPERICO FATTO IN CASA

  • Cristina - 19 Giugno 2020 22:55

    Ciao Benedetta, da noi in Friuli lo usiamo oltre che per le scottature anche per i dolori muscolari e soprattutto quando prendiamo una botta o una storta.io per esempio lo uso sempre per le mie bimbe quando cadono e sbattono, ed incredibilmente la parte non si gonfia nemmeno!!

  • TURTURICI DOMENICA - 19 Giugno 2020 15:54

    DA NOI IN SICILIA, E IN PARTICOLARE SCIACCA PROV DI AGRIGENTO I PASTORI LO RACCOLGONO LA PRIMA DECADE DI MAGGIO E LO UTILIZZANO PER URARE LE FERITE DEGLI ANIMALI PECORE MULI E CAVALLI
    IO IN PARTIOLARE L’HO USATO PER CURARE UNA BOLLA -CISTI PIENA DI PUS DEL MIO GATTO.
    E’ STATO COME UN SALVAVITA. PECCATO CHE, PULTROPPO, SE LO LECCAVA E M TOCCAVA METTERLO UN PAIO DI VOLTE AL GIORNO. PERO’ E’ GUARITO

    • Benedetta Rossi
      Benedetta Rossi - 19 Giugno 2020 16:28

      Ciao Domenica, grazie per il tuo consiglio 🙂 Un abbraccio 🙂

  • Anna Costanzo
    Anna Costanzo - 12 Giugno 2020 20:47

    Ciao benedetta scusami l’olio d iperico si può usare come antirughe per il viso?grazie😘

    • Benedetta Rossi
      Benedetta Rossi - 15 Giugno 2020 12:19

      Ciao Anna, sì molti lo usano anche come antirughe 🙂

  • Roberta - 12 Giugno 2020 18:49

    Ciao vorrei sapere che differenza c è tra il coprire il vasetto con la stagnola o nn coprirlo
    Grazie
    Roberta

  • Lidia - 12 Giugno 2020 11:38

    Ciao Benedetta, ho trovato molto interessante la ricetta dell’olio d’iperico. Non lo conoscevo. Seguirò la tradizione di raccoglierlo il 24 giugno. Grazie a presto.
    Lidia

  • Sonia - 9 Giugno 2020 10:22

    E’ possibile aggiungere oli essenziali come lavanda, geranio o menta? non in tutto l’olio contenuto, ma in una flaconcino a parte.

    • Benedetta Rossi
      Benedetta Rossi - 11 Giugno 2020 15:10

      Ciao Sonia, sì va bene 🙂

  • Chiara - 5 Giugno 2020 16:38

    La natura ci regala molte piante preziose per la nostra salute. Uso olio di iperico da almeno 10 anni. Fa bene anche per i dolori reumatici, infiammazioni dei muscoli o tendinite. È un potente antiinfiammatorio. Io però lascio macerare per 60 giorni.

    • Benedetta Rossi
      Benedetta Rossi - 8 Giugno 2020 12:12

      Ciao Chiara, grazie per queste utilissime informazioni 🙂