Vellutata di porri di Benedetta: cremosa e saporita


Ogni stagione ha il suo comfort food più adatto: piatti in grado di darci un po’ di refrigerio d’estate e altri che invece ci scaldano e ci coccolano quando fuori fa freddo e magari piove. È il caso, ad esempio, di creme e vellutate: insieme alle zuppe sono dei primi piatti che fa sempre piacere gustare nelle fredde sere d’inverno. Benedetta le adora e le prepara spesso – la sua preferita è la vellutata di zucca – e in questa ricetta ci mostra la sua vellutata di porri, che ogni tanto prepara per far contento soprattutto Marco, che ne va matto.

Preparare la vellutata di porri di Benedetta è un gioco da ragazzi: in poco più di mezz’ora sarà pronta da impiattare e da gustare cucchiaio per cucchiaio. Si parte dalla pulizia dei porri: ce ne serviranno due grandi, a cui taglieremo l’estremità con le radici e quella con la parte verde. Per non buttare quest’ultima, seguiamo il consiglio di Benedetta: conserviamola e usiamola per fare il brodo di verdure e renderlo super saporito. Al posto del porro possiamo usare lo scalogno, ma dato che ha un sapore più deciso, mettiamone un po’ meno. Non siamo riusciti a trovare né porro né scalogno? Usiamo la cipolla rossa, la nostra crema verrà comunque deliziosa.

vellutata di porri e patate

Al momento di frullare i porri e le patate col frullatore a immersione, potremo decidere la consistenza da dare alla nostra vellutata: “rustica” e un po’ grossolana, oppure liscia, omogenea e cremosa. Se poi ci accorgiamo che è molto compatta e la vogliamo un po’ più liquida, possiamo allungarla con un goccino d’acqua.

Per insaporire la sua vellutata di porri e patate, Benedetta l’ha guarnita con un po’ di speck rosolato in padella con un filo d’olio… un abbinamento perfetto e molto appetitoso! Se non gradiamo lo speck, va benissimo anche la pancetta. Al momento di impiattare possiamo arricchire il piatto ancora di più, oltre che con una bella manciata di formaggio grattugiato, anche con qualche crostino di pane saltato in padella con olio e spezie.

Che ne pensate? Questa vellutata di porri non è forse un perfetto comfort food per la stagione fredda? Vediamo insieme a Benedetta come prepararla e poi provatela e fateci sapere se vi ha scaldato il cuore!

 

  • Tempo Preparazione Tempo di preparazione: 10 min
  • Tempo Cottura Tempo di cottura: 30 min
  • Pronto in Pronto in: 40 min
Vellutata di porri di Benedetta: cremosa e saporita Tempo Preparazione

INGREDIENTI

  • 2 porri
  • 400 g di patate
  • formaggio grattugiato q.b.
  • speck a fiammifero q.b.
  • olio extravergine d'oliva q.b.
  • sale q.b.
  • 1 l di acqua

DOSI PER PERSONE

-
+

PROCEDIMENTO

  1. Puliamo i porri e mettiamoli tagliati a pezzetti in una pentola capiente.Puliamo i porri e mettiamoli tagliati a pezzetti in una pentola capiente.
  2. Aggiungiamo l’olio d’oliva e facciamo rosolare per qualche minuto. Aggiungiamo l’olio d’oliva e facciamo rosolare per qualche minuto.
  3. Tagliamo a pezzetti le patate sbucciate e le buttiamo in pentola quando il porro è ben appassito. Lasciamo rosolare per un paio di minuti. Tagliamo a pezzetti le patate sbucciate e le buttiamo in pentola quando il porro è ben appassito. Lasciamo rosolare per un paio di minuti.
  4. Ricopriamo tutto con un litro d’acqua e facciamo cuocere per circa mezz’ora. Ricopriamo tutto con un litro d’acqua e facciamo cuocere per circa mezz’ora.
  5. Frulliamo i porri e le patate direttamente in pentola con il frullatore a immersione e poi aggiungiamo sale a piacere. Frulliamo i porri e le patate direttamente in pentola con il frullatore a immersione e poi aggiungiamo sale a piacere.
  6. In una padella facciamo rosolare lo speck con un po’ d’olio d’oliva.In una padella facciamo rosolare lo speck con un po’ d’olio d’oliva.
  7. Impiattiamo la nostra vellutata di porri bella fumante, aggiungendo un giro d’olio d’oliva, un po’ di parmigiano grattugiato e lo speck rosolato. Buon appetito!Impiattiamo la nostra vellutata di porri bella fumante, aggiungendo un giro d’olio d’oliva, un po’ di parmigiano grattugiato e lo speck rosolato. Buon appetito!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Hai provato la ricetta? Fai sapere a Benedetta come ti è venuta! Hai dubbi? Chiedi e lei ti risponderà!