COME TOGLIERE LA CARTA DA PARATI

Togliere la carta da parati non è difficile se si usano gli strumenti giusti. Negli anni 70/80, la maggior parte delle abitazioni erano tappezzate di questa carta per abbellire gli ambienti.

Se hai acquistato una casa di quell’epoca e vuoi rinnovare con carta più moderna, ti suggeriamo qualche facile metodo per togliere la carta da parati.

Se il tuo budget è limitato, puoi fare da solo o con l’aiuto di qualche amico volenteroso e togliere la carta da parati dal muro con l’aiuto del vapore.
Nel caso tu possegga una di quelle macchine che erogano vapore, ti puoi servire di quella per staccare i parati. E’ il vapore, infatti, che semplifica le operazioni di distacco e senza di esso, dovresti affrontare un lavoro lungo e faticoso.
Prepara una buona dose di giornali e un telo per non sporcare i pavimenti. Acquista un rullo, dei guanti da lavoro, delle spatole e inizia a cimentarti in questa impresa.

Come togliere la carta da parati

Prepara la superfici di lavoro posizionando i giornali o un telo sul pavimento. Fissali con dello scotch gommato molto accuratamente . Vai dal tuo ferramenta di fiducia e fatti consigliare dei solventi da acquistare per miscelarli nell’acqua. Prepara una bacinella capiente con dell’acqua calda e usa i prodotti che hai acquistato, per preparare la miscela che servirà a staccare i parati. Impugna il rullo o il pennello e mettili nella bacinella in modo che si impregnino d’acqua. Passali sulle pareti tappezzate di carta, esercitando una leggera pressione.
Ci vuole del tempo prima che i parati si ammorbidiscano per essere staccati. Rispettando un termine di circa 10 minuti, ripeti l’operazione e aspetta che la carta diventi morbida ma non molle.

Fai una prova staccando un pezzo di parato per verificare se la parete è pronta per essere trattata.
Non bagnare eccessivamente la carta: c’è il rischio che la carta si spugni troppo e non venga via con facilità. Aspetta il tempo che ci vuole, al fine di non staccare solo piccoli pezzetti di parato senza rimuovere quelli più grandi.
Meglio.ovviamente, se possiedi un elettrodomestico che emana vapore.

Ti ricordo che non tutte le carte sono uguali e ti serve un minimo di esperienza per comprendere quando devi agire. Dopo qualche tentativo, diventerai bravo e capirai quando è il momento giusto per intervenire. Quando la carta si è ammorbidita, con i guanti e la spatola stacca il foglio di carta dalla parete. La rimozione dei parati dipende da tanti fattori, compresa la temperatura ambientale. Con un pizzico di pratica quindi puoi accorgerti come effettuare il distacco.

Rifinire le pareti

Dopo la rimozione della carta da parati, bisogna rifinire le pareti. Questa operazione va fatta anche se dovrai sostituire le mura con nuovi parati più contemporanei come quelli in PVC, in nylon o in fibra naturale. Il muro ha sempre bisogno di una rinfrescata e anche di una stuccatura. Con le tecniche della vecchia edilizia, infatti, le pareti prima di essere ricoperte con la carta da parati, non venivano curate. E’ possibile quindi che tu possa trovare piccole crepe, rigonfiamenti dell’intonaco o piccole imperfezioni.
Usa della carta gommata per proteggere prese ed attacchi di corrente elettrica e poi verifica se sulle pareti ci sono crepe da stuccare.

Se è rimasta attaccata della colla vecchia, utilizza un raschietto per intonaco ed eliminala. Oppure, prima imbevi una spugna con acqua calda e detergente neutro e passala sulle pareti per ammorbidire i residui di collante.
Dopo questo procedimento, puoi cominciare a stuccare e a passare un paio di mani di vernice bianca.
Decidi se vuoi verniciare le pareti con vernice acrilica o abbellirle con le innovative carte da parati che ci sono in commercio. Ad esempio ‘la texture’ che consiste in pannelli simili a mattoncini che conferiscono alle pareti un aspetto caratteristico. Puoi scegliere tra i numerosi parati che ci sono in commercio.

Ti consiglio di comprare un prodotto che si possa “pelare” perché, se in futuro vorrai cambiare la carta da parati, non dovrai affrontare nessuna fatica. I moderni parati sono certificati e offrono la garanzia di poterli rimuovere anche se le superfici sono completamente asciutte.

Ti auguro un felice lavoro!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!