COME PULIRE LA CAPPA

La corretta manutenzione di ogni elettrodomestico di casa è il primo buon modo per garantirne il buon funzionamento nel tempo. Sicuramente la cucina, con tutti i suoi strumenti, è un ambiente che richiede molto impegno, e tanto, tanto olio gomito. Utilizzata quotidianamente è, infatti, uno spazio che si sporca di continuo e necessita di pulizie costanti. Dalle superfici al frigorifero, dal forno alle piastre di cottura ogni elemento merita attenzione.

E che dire della cappa? La sua manutenzione periodica serve a non solo a mantenerla funzionale e pulita ma soprattutto a garantirne l’igiene. Preziosa per assorbire fumi e odori di cottura, la cappa raccoglie anche molta sporcizia. Pensa agli schizzi dalle pentole, al sugo e ai vari grassi e oli che possono depositarvisi sopra. Oltre ai prodotti chimici in commercio esistono alcuni metodi naturali con cui trattare questa parte della casa. Ecco come pulire la cappa con metodi naturali.

 

Ogni quanto tempo e come pulire la cappa

Non aspettare che la cappa aspiri a fatica perché ha accumulato sporco e grasso: potrebbe essere molto faticoso pulirla! Sarà banale ma è proprio così: prevenire è meglio che curare. E, allora, quello che conta anche quando si tratta di pulizie è intervenire con costanza con i metodi adatti. Anche la manutenzione della cappa deve essere fatta con una certa periodicità per eliminarne le incrostazioni.

A seconda delle sue condizioni e della frequenza di utilizzo, la parte esterna può essere pulita una volta alla settimana. Per le parti interne, invece, può essere sufficiente una volta ogni tre/quattro settimane. Come procedere per una pulizia completa? Sono tre le parti sulle quali intervenire: esterno, interno e filtri (pulizia o sostituzione). Vediamo come fare.

 

Pulisci la parte esterna della cappa

Sia che si tratti della semplice pulizia settimanale sia che si tratti di una manutenzione completa, parti dalla pulizia esterna. Per le superfici della cappa usa un panno o una spugnetta imbevuti di acqua calda e sapone di Marsiglia o aceto. In alternativa, altri ingredienti utili sono il succo di limone e il bicarbonato di sodio.

Basterà strofinare con cura ogni lato, risciacquare e poi passare un panno pulito. Per sgrassare un po’ più a fondo, puoi far bollire in una pentola una soluzione di acqua e aceto. Lascia che arrivi a ebollizione e che il vapore prodotto salga verso la cappa. Attraverso questa semplice operazione, anche i filtri potranno essere sgrassati e sarà più facile togliere le incrostazioni esterne.

Rimuovi il coperchio e passa alla pulizia interna

Per le pulizie più profonde, è necessario smontare la cappa togliendo il coperchio e mettendolo in ammollo. Versa in una bacinella dell’acqua calda con un po’ do aceto e lascia che agisca sciogliendo il grasso. Dopo una ventina di minuti, con una spugna eventualmente imbevuta di acqua e bicarbonato, strofina tutti i lati del coperchio. Per completare, risciacqua in acqua corrente e asciuga per bene.

Dopo aver rimosso i filtri, spruzza all’interno della cappa una soluzione sgrassante. Acqua e aceto o acqua e bicarbonato – in una soluzione non troppo densa – andranno benissimo. Cospargi ogni punto interno e fai agire il detergente per un quarto d’ora; quindi, strofina con una spugna le superfici. Una volta tolta ogni patina di grasso, passa un panno imbevuto di sola acqua tiepida e asciuga tutto.

 

Detergi o sostituisci i filtri

Non resta che prendersi cura dei filtri. Se noti che le spugne sono ormai ingiallite e, quindi, particolarmente sporche, l’unica cosa da fare è sostituirle. In media la sostituzione dei filtri va fatta ogni due mesi (per quelli sintetici) oppure ogni quattro mesi (se sono ai carboni attivi). Troverai facilmente quelli nuovi nei negozi ferramenta e centri per il fai da te.

Se, invece, i filtri sono ancora in buono stato, occorre pulirli immergendoli in una vaschetta con acqua e bicarbonato. Lascia in ammollo per una notte intera poi sciacquali sotto un getto d’acqua corrente e lasciali asciugare. Saranno pronti per essere rimontati! Se hai poco tempo lavali in lavastoviglie con un programma delicato. Facile, no? Buona pulizia!

Potrebbero interessarti:

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!