CARCIOFI AMMOLLICATI


Carciofi Ammollicati




I Carciofi Ammollicati sono  un contorno di verdure facile e gustoso, perfetti per il pranzo o la cena di ogni giorno. Questa è una ricetta semplicissima ma al tempo stesso originale, i carciofi cucinati così sono profumati e saporiti, tutti ne andranno matti!

Per prima cosa vi spiegherò come pulire e preparare al meglio i carciofi per la ricetta. Si parte eliminando le foglie esterne più dure e coriacee, poi si taglia il gambo ed infine si taglia la parte finale delle foglie con le spine. Un piccolo trucco è quello di immergere i carciofi  puliti in acqua e limone; questo accorgimento eviterà che i carciofi anneriscano! I gambi non vanno assolutamente buttati; basta eliminare la “buccia” esterna e cuocerli insieme ai carciofi… sono davvero buonissimi! Lo stesso metodo di pulizia può essere usato per  altre preparazioni a base di carciofi!

Il resto della ricetta è un vero gioco da ragazzi. Si realizza un semplice pangrattato aromatizzato con prezzemolo, aglio, formaggio grattugiato e si utilizza per “ammollicare” i carciofi. La cottura in questo caso si fa in pentola; mi raccomando di usare una pentola “piccola” in maniera tale che i carciofi si sostengano l’uno con l’altro, trattenendo così la panatura. Sentirete per tutta la cucina un profumo delizioso mentre i carciofi sono in cottura, è una caratteristica tipica di questa ricetta.

Questi carciofi sono perfetti come contorno, ma vanno benissimo anche come antipasto. Sono sicuro che questa ricetta nella sua semplicità saprà conquistarvi. Se li provate fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate.

Potrebbero interessarvi anche le Cotolette di Cavolfiore e le Verdure Gratinate al Forno.

  • Tempo Preparazione Tempo di preparazione: 10 min
  • Tempo Cottura Tempo di cottura: 30 min
  • Pronto in Pronto in: 40 min
CARCIOFI AMMOLLICATI Tempo Preparazione
CARCIOFI AMMOLLICATI

INGREDIENTI

  • 5 carciofi
  • 180 g pangrattato
  • 50 g formaggio grattugiato
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 2 spicchi d'aglio
  • 4 cucchiai d'olio d'oliva
  • Sale e pepe q.b.
  • 1 limone

DOSI PER PORZIONI

-
+

PROCEDIMENTO

  1. Per prima cosa ripuliamo i carciofi. Prepariamo una ciotola piena d'acqua acidificata con il succo di un limone; questo piccolo accorgimento ci aiuterà a non fare annerire i carciofi durante le operazioni di pulitura. Puliamo un carciofo alla volta; togliamo le foglie esterne più dure, tagliamo via completamente il gambo ed infine tagliamo la parte finale delle foglie. Una volta pulito il carciofo, tuffiamolo subito nell'acqua e limone preparata in precedenza. Prendiamo il gambo, togliamo la "buccia" esterna e tuffiamolo subito in acqua. Procediamo così con tutti gli altri carciofi. Per prima cosa ripuliamo i carciofi. Prepariamo una ciotola piena d'acqua acidificata con il succo di un limone; questo piccolo accorgimento ci aiuterà a non fare annerire i carciofi durante le operazioni di pulitura. Puliamo un carciofo alla volta; togliamo le foglie esterne più dure, tagliamo via completamente il gambo ed infine tagliamo la parte finale delle foglie. Una volta pulito il carciofo, tuffiamolo subito nell'acqua e limone preparata in precedenza. Prendiamo il gambo, togliamo la "buccia" esterna e tuffiamolo subito in acqua. Procediamo così con tutti gli altri carciofi.
  2. Prepariamo adesso il pangrattato aromatizzato. Tritiamo finemente un grande ciuffo di prezzemolo insieme agli spicchi d'aglio; possiamo fare questa operazione su un tagliere usando una mezzaluna oppure aiutarci con un tritatutto. Mettiamo il pangrattato su un piatto e aggiungiamo il trito di prezzemolo, l'olio d'oliva, il formaggio grattugiato ed infine saliamo e pepiamo secondo i nostri gusti. Mescoliamo accuratamente il pangrattato fino a distribuire uniformemente gli ingredienti. Prepariamo adesso il pangrattato aromatizzato. Tritiamo finemente un grande ciuffo di prezzemolo insieme agli spicchi d'aglio; possiamo fare questa operazione su un tagliere usando una mezzaluna oppure aiutarci con un tritatutto. Mettiamo il pangrattato su un piatto e aggiungiamo il trito di prezzemolo, l'olio d'oliva, il formaggio grattugiato ed infine saliamo e pepiamo secondo i nostri gusti. Mescoliamo accuratamente il pangrattato fino a distribuire uniformemente gli ingredienti.
  3. Prendiamo adesso i carciofi e "battiamoli" energicamente sul tagliere dalla parte delle foglie tagliate; questa operazione farà aprire come un fiore il carciofo, agevolando la panatura. Prendiamo la panatura e premiamola dentro il carciofo, avendo cura di farla entrare per bene anche tra una foglia e l'altra... più panatura riusciremo ad inserire, migliore sarà il risultato finale! Prendiamo adesso i carciofi e "battiamoli" energicamente sul tagliere dalla parte delle foglie tagliate; questa operazione farà aprire come un fiore il carciofo, agevolando la panatura. Prendiamo la panatura e premiamola dentro il carciofo, avendo cura di farla entrare per bene anche tra una foglia e l'altra... più panatura riusciremo ad inserire, migliore sarà il risultato finale!
  4. Prendiamo una pentola ed inseriamo i carciofi; facciamo in modo che i carciofi si sostengano l'uno con l'altro, quindi scegliamo bene la pentola da usare! Inseriamo negli spazi che si saranno formati i gambi di carciofo. Con l'aiuto di una brocca e cercando di non "bagnare" la panatura, copriamo il fondo della pentola con dell'acqua; io ne ho inserito circa 250ml. Come tocco finale versiamo sui carciofi ancora un goccio d'olio e copriamo con un coperchio. Mettiamo la pentola sul fornello più piccolo che abbiamo a disposizione, regoliamo la fiamma al minimo e cuociamo i carciofi per circa 30 - 40 minuti. I tempi di cottura variano in base alla qualità e alle dimensioni dei carciofi. Se durante la cottura ci accorgiamo che l'acqua si sta asciugando eccessivamente, non esitiamo ad aggiungerne ancora un goccio, tenendo però presente che i carciofi a fine cottura devono essere piuttosto "asciutti". Prendiamo una pentola ed inseriamo i carciofi; facciamo in modo che i carciofi si sostengano l'uno con l'altro, quindi scegliamo bene la pentola da usare! Inseriamo negli spazi che si saranno formati i gambi di carciofo. Con l'aiuto di una brocca e cercando di non "bagnare" la panatura, copriamo il fondo della pentola con dell'acqua; io ne ho inserito circa 250ml. Come tocco finale versiamo sui carciofi ancora un goccio d'olio e copriamo con un coperchio. Mettiamo la pentola sul fornello più piccolo che abbiamo a disposizione, regoliamo la fiamma al minimo e cuociamo i carciofi per circa 30 - 40 minuti. I tempi di cottura variano in base alla qualità e alle dimensioni dei carciofi. Se durante la cottura ci accorgiamo che l'acqua si sta asciugando eccessivamente, non esitiamo ad aggiungerne ancora un goccio, tenendo però presente che i carciofi a fine cottura devono essere piuttosto "asciutti".
  5. Ecco i carciofi ammollicati serviti in tavola. Possono essere uno sfizioso antipasto oppure un ricco contorno.Ecco i carciofi ammollicati serviti in tavola. Possono essere uno sfizioso antipasto oppure un ricco contorno.

Articolo scritto da 55winston55

Lascia un commento

Hai provato la ricetta? Fai sapere a Benedetta come ti è venuta! Hai dubbi? Chiedi e lei ti risponderà!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su CARCIOFI AMMOLLICATI

  • Caterina - 16 Aprile 2021 15:52

    Ancora non ho provato questa ricetta…nel ripieno è possibile aggiungere la pancetta o il guanciale a cubetti?

    • Benedetta Rossi
      Benedetta Rossi - 16 Aprile 2021 18:55

      Ciao Caterina, sì va benissimo 😊

  • Chiara - 18 Febbraio 2021 18:37

    Buonissimi 👍🏻

  • Donatella - 17 Febbraio 2021 16:41

    Ciao Benedetta!

    questa ricetta è uno dei cavalli di battaglia della mìa mamma! La facciamo da sempre! Nel ripieno però aggiungiamo la pancetta a cubetti, Buonissimi! Ecco i nostri!

    • Benedetta Rossi
      Benedetta Rossi - 19 Febbraio 2021 12:59

      Bravissima Donatella 😊