Come organizzare un picnic

Come organizzare un picnic

Pubblicità

Una delle attività all’aperto che mi piace sempre organizzare è un bel picnic. Mi riporta ai ricordi dell’infanzia, alla spensieratezza di quando ero bambina e si stava tutti insieme a godersi una bella giornata di sole, per giocare e mangiare piatti gustosi, preparati in casa tutti insieme.

Che sia in un parco oppure al mare, ancora oggi con Marco cerchiamo di trovare sempre il tempo per fare un picnic. E ci portiamo dietro anche Cloud! Oggi, allora, voglio spiegarvi come preparare un picnic perfetto.

Come organizzare il cestino da picnic

Prima di tutto, per un bel picnic ci vuole il cestino giusto! Il mio è quello classico di vimini, ma se non lo avete va bene anche uno zaino oppure un borsone. Dentro metto con ordine tutti i cibi, insieme alle posate e agli strumenti che possono essere utili, come per esempio il cavatappi.

Sul fondo ripongo frutta e dolci, che mangeremo per ultimi, sopra invece gli antipasti e in mezzo le portate principali. Divido tutto in monoporzioni ed è un trucco furbo che voglio consigliarvi! Così, ognuno avrà il suo contenitore – io uso quelli in plastica riutilizzabili – e non c’è bisogno di tagliare e dividere nulla.

Pubblicità

Le bevande, invece, le conservo in una borsa frigo, con le mattonelle refrigeranti per mantenerle fresche tutto il giorno.

Come preparare il menu perfetto per il picnic

Il picnic è l’occasione giusta per preparare tante ricette facili e sfiziose. Qui ve ne avevo scritte tante! Nel cestino, infatti, si possono mettere le torte salate, come quella di zucchine, la pizza rustica, ma anche focaccia, tramezzini e pasta fredda. Così come un bel piatto di insalata di riso, che non dovrebbe mancare mai!

Per i dolci, invece, solitamente preparo delle crostate – come quella morbida di frutta e quella di pesche – oppure un soffice plumcake, oltre alla frutta che porto già in macedonia.

E non mi faccio mancare neanche il caffè! Lo preparo e lo metto in un capiente thermos che utilizzo da anni e che non mi delude mai. Lo tiene caldo veramente a lungo ed è una grande comodità.

Le cose da non dimenticare in un picnic

La prima cosa da non dimenticare mai quando si fa un picnic è di…portare la tovaglia! Magari proprio quella classica a quadrettoni bianchi e rossi, perfetta anche per scattare qualche foto. Io preferisco sempre portarne una cerata, perché non soltanto è facile da lavare, ma è anche impermeabile.

Pubblicità

Oltre alla tovaglia porto sempre un altro telo più rigido, come uno stuoino oppure una coperta ripiegata, per creare una base più solida da mettere sotto la tovaglia poggiato sul prato.

La seconda cosa importantissima che bisogna sempre avere sono i sacchetti per l’immondizia. Quando si fa un picnic, infatti, è importante lasciare poi il luogo esattamente come lo si è trovato all’inizio e salvaguardare la natura! Ecco perché riporto sempre indietro tutti i rifiuti, per differenziarli. Il mio consiglio, allora, è quello di portare i diversi sacchetti di plastica, carta, umido e indifferenziato, per poi smaltirli correttamente una volta tornati a casa.

Infine, porto sempre con me una confezione di salviettine igienizzanti! Sono perfette per ripulire le mani quando non c’è acqua a disposizione. E sono molto utili se ci sono anche i bambini!

E voi? Avete mai fatto un picnic o avete qualche spunto carino da suggerirmi? Fatemelo sapere nei commenti!

Pubblicità

Pubblicità

Commenti

Ancora nessun commento pubblicato.

Pubblicate il primo commento e ditemi se il mio consiglio vi è stato utile: mi scrivete e mi fate sapere se voi avete provato altro?

Scrivi un commento

Pubblicità

Benedetta Rossi

Come organizzare un picnic

Torna su