Come congelare zuppe, passati e vellutate

Come congelare zuppe, passati e vellutate

Pubblicità

Zuppe, passati, vellutate. D’inverno per riscaldarsi un po’ non c’è che l’imbarazzo della scelta! E sono tutti piatti che si possono preparare in abbondanza, per avere qualche porzione in più da congelare.

Sì, perché sia le zuppe, sia i passati, sia le vellutate, sono ideali per fare un po’ di scorta in freezer e avere pronti un pranzo o una cena calda dell’ultimo minuto. Oggi, allora, voglio spiegarvi tanti trucchi e consigli su come congelare zuppe, passati e vellutate.

Dividere in porzioni

La prima cosa da fare, soprattutto con i passati e le vellutate, ma anche con le zuppe, è dividerli in porzioni. Io di solito li metto via in porzioni da due, visto che siamo io e Marco, ma se siete in più in famiglia potete abbondare! E potete anche scrivere il numero di porzioni sul contenitore prima di congelarlo!

Pubblicità

Bisogna pesare le quantità per porzione (vale per tutto, zuppe, passati e vellutate), lasciando un po’ di spazio nel contenitore per l’espansione dell’acqua quando si congelerà. Quindi li lasciamo freddare, prima a temperatura ambiente o in frigorifero, per poi spostare tutto in freezer.

Scegliere bene i contenitori

Un’altra cosa da fare è pensare bene a quali contenitori utilizzare. Io, se posso, preferisco quelli in pyrex, di vetro con il tappo di plastica, perché vanno sia in freezer, sia in forno e si possono impilare facilmente.

Un consiglio furbo, però, è quello di utilizzare delle buste apposite, dei sacchetti gelo particolari, che si trovano nei negozi di casalinghi. Sono contemporaneamente da freezer e da cottura a bassa temperatura. Se vengono sigillati sottovuoto consentono di tirare fuori la zuppa dal freezer e tuffarla direttamente nella pentola dell’acqua bollente. Oppure di metterla al microonde. Un bel risparmio di tempo! L’importante è acquistare sacchetti di buona qualità.

Pubblicità

Se seguite questo metodo, però, vi lascio un altro consiglio: prima di congelarli mettete i sacchetti belli stesi su una teglia con i bordi un po’ alti. Non solo li appiattirà e occuperanno meno spazio, ma non rischierete anche di sporcare tutto se se ne dovesse rompere qualcuno!

Un trucco furbo? Facciamo i dadi!

Un trucchetto molto furbo per conservare le zuppe, i passati e le vellutate è quello di… creare dei dadi. Soprattutto passati e vellutate, infatti, possono essere utilizzati per insaporire per nuove ricette, di minestre oppure sughi!

Basta conservarli nei contenitori per fare i ghiaccioli oppure negli appositi sacchetti gelo e scrivere sopra che cosa sono e il gioco è fatto. Ogni volta che ci servirà un cubetto per insaporire questa o quella ricetta sarà subito pronto e avremo un piatto ancor più gustoso!

Pubblicità

Pubblicità

Benedetta Rossi

Come congelare zuppe, passati e vellutate

Torna su