Ciceri e tria

Ciceri e tria, cioè pasta fritta e ceci, è una ricetta molto antica che arriva direttamente dalla tradizione pugliese, dal Salento.

Stagione
Autunno, Inverno
Ingredienti
13
Facilità
sfidante
Pronto in
1 ora e 5 minuti

Pubblicità

Ciceri e tria, cioè pasta fritta e ceci, è un piatto che arriva direttamente dalla tradizione pugliese, più precisamente dal Salento. Si tratta di una ricetta molto antica, che risale fino agli antichi romani. Già il poeta latino Orazio, infatti, ne parlava nei suoi scritti delle Satire, tra i 30 e il 35 a.C.

Questa pietanza è una preparazione molto sostanziosa, a base di pasta fresca preparata con farina 00 e farina di semola rimacinata, acqua e olio d’oliva. La pasta viene stesa molto sottile e si divide in tagliatelle corte, che vengono poi arrotolate come una spirale. La pasta così ottenuta si chiama “tria” appunto, una parola che viene dall’arabo ittrya e che significa pasta fritta o secca.

La vera caratteristica di questo piatto, però, sta proprio nella cottura della pasta! Viene, infatti, in parte fritta e in parte bollita. E poi condita con i ceci, i “ciceri”, che vengono cotti a fuoco lento con olio extravergine di oliva, aglio, cipolla e aromi. Vediamo come prepararla.

Preparazione
50 minuti
Cottura
15 minuti
Tempo totale
1 ora e 5 minuti *

*+2 ore e 30 minuti di riposo per la pasta fresca

La nostra cucina

Un libro intimo a cui ho lavorato tanto fatto di ricette e con le vostre storie

Ingredienti

Dosi per persone 4 persone

Per la pasta fresca

  • 150 g farina 00
  • 150 g farina di semola di grano duro rimacinata
  • 1685 g acqua a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaio olio extravergine di oliva

Per il condimento

  • 150 g ceci precotti
  • 2 cipolle bianche piccole
  • 2 spicchi aglio interi
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • foglie alloro q.b.
  • 350 g brodo vegetale
  • peperoncino q.b.
  • olio di semi per friggere
  • sale fino q.b.

Dosi calcolate sulla ricetta originale (per 4 persone)

Pubblicità

Per preparare ciceri e tria in un tegame versiamo l’olio e aggiungiamo i 2 spicchi d’aglio interi e sbucciati. Quando l’aglio sarà ben rosolato togliamolo e versiamo quindi la cipolla tritata finemente.

Facciamo appassire a fuoco basso aggiungendo del brodo o dell’acqua per non far attaccare sul fondo. Dopo una decina di minuti aggiungiamo anche il peperoncino, senza semi, e l’alloro.

L’idea in più

  • Se vogliamo possiamo aggiungere anche qualche rametto di rosmarino fresco!

Scoliamo i ceci dall’acqua di governo e aggiungiamoli in pentola, versando il brodo vegetale poco a poco. Dovranno cuocere, con il coperchio, per circa 5 minuti.

Prepariamo l’impasto. In una ciotola setacciamo le farine, poi versiamo pian piano l’acqua a temperatura ambiente e l’olio d’oliva e cominciamo a impastare. Aiutiamoci prima con una forchetta, poi lavoriamo a mano.

Quando l’impasto comincia a essere più compatto trasferiamolo sul piano di lavoro, leggermente unto. Lavoriamolo fino a ottenere un composto liscio e omogeneo, quindi avvolgiamolo nella pellicola alimentare e lasciamolo riposare per circa 30 minuti a temperatura ambiente.

Pubblicità

Una volta passata mezz’ora riprendiamo l’impasto e stendiamolo aiutandoci con il mattarello oppure con la macchina per la pasta. Dobbiamo ottenere una sfoglia sottile di circa 2-3 millimetri. Quindi realizziamo le tagliatelle e poi tagliamole per una lunghezza massima di circa 8-9 centimetri.

Teniamo con attenzione con le dita le estremità dei pezzetti di pasta che abbiamo realizzato. Quindi torciamole in direzione opposta, per dare una forma a spirale, e posiamole su un vassoio a seccare per circa 2 ore.

In una pentola mettiamo a scaldare l’olio di semi per friggere, portandolo a 170 °C. Prendiamo, quindi, poco meno di metà della pasta che abbiamo realizzato e friggiamola finché non sarà dorata. Quindi scoliamola e lasciamola asciugare su un vassoio rivestito con carta da frittura.

In un’altra pentola lessiamo la pasta rimasta per circa un minuto, quindi scoliamola e aggiungiamola alla pentola dei ceci. Spegniamo e mescoliamo per amalgamare bene i sapori.

Impiattiamo quindi la pasta con i ceci e guarniamo con con la tria fritta. I nostri ciceri e tria sono pronti per essere gustati!

Pubblicità

Pubblicità

Valuta la ricetta

0 voti

Esprimi il tuo voto

Commenti

Ancora nessun commento pubblicato.

Pubblicate il primo commento e ditemi se la ricetta vi è piaciuta: mi scrivete e mi fate sapere com’è andata?

Scrivi un commento
Nessun file selezionato Seleziona foto

Pubblicità

Redazione

Ciceri e tria

Nessun file caricato Carica la foto

Fatte in casa da voi

Carica una foto e condividi il risultato

Al momento non ci sono immagini delle vostre ricette

Caricate una foto e condividete il risultato

Carica la tua foto

Pubblicità

Redazione

Ciceri e tria

Torna su