POLPETTE DI ZUCCA SENZA GLUTINE

La ricetta ideale per riuscire a far mangiare le verdure ai tuoi piccoli. In queste polpettine la zucca non si vedrà e in più il fatto di essere messa sotto forma di polpetta invoglierà i bimbi a mangiarla. Il tutto in una ricetta semplice e veloce.

  • Tempo Preparazione Tempo di preparazione: 20 min
  • Tempo Cottura Tempo di cottura: 40 min
  • Pronto in Pronto in: 1h
POLPETTE DI ZUCCA SENZA GLUTINE Tempo Preparazione
POLPETTE DI ZUCCA SENZA GLUTINE

INGREDIENTI

  • 400 grammi macinato di pollo e tacchino
  • 400 grammi zucca
  • q.b. sale fino
  • q.b. pangrattato di farina di riso
  • q.b. spezie
  • q.b. olio d’oliva

DOSI PER POLPETTE

-
+

PROCEDIMENTO

  1. Prendi il macinato misto e sistemalo in una ciotola capiente. Aggiunge sale e spezie nelle quantità che preferisci. Fai attenzione a trovare un equilibrio con le spezie. Infatti, se esageri con la salatura e poi utilizzi delle spezie rischi di avere delle polpette con gusto troppo forte, soprattutto se pensi di farle mangiare a un bambino. A questo punto utilizza le spezie. Io ho usato il peperoncino, l'aglio granulare, lo zenzero che adoro, un bel po' di paprika dolce e il pepe bianco. Le spezie utilizzate variano a seconda dei tuoi gusti, di quelli del bambino o degli ospiti, insomma è a tua totale discrezione, anche nella quantità da usare.
  2. Amalgama in modo omogeneo per evitare che si formino parti di macinato prive di sale e spezie oppure con un'alta concentrazione di questi ingredienti che finirebbero per danneggiare la riuscita delle polpette con la zucca. Un piccolo trucco è quello di controllare il colore del macinato per rendersi conto se la presenza delle spezie è davvero uniforme.
  3. A questo punto devi mettere la zucca e amalgamare col resto del composto. La zucca deve essere stata già ammorbidita e il metodo che ti consiglio è quello di prendere le parti di zucca che vuoi utilizzare, compresa la buccia, ricoprirle con la carta forno e metterle per un'ora circa in forno a circa 150 gradi. Capirai che sono abbastanza morbide schiacciando sulla polpa mentre sono in cottura. Questo metodo ti aiuterà anche a raccogliere la polpa senza gli sforzi necessari per eseguire la stessa operazione ma con la zucca cruda che è molto dura. Ti ricordo che i 400 gr. di zucca si riferiscono alla sola polpa.
  4. Per comprendere se il composto è ben amalgamato, guarda anche in questo caso il colore dell'insieme. Se non ci sono zone prive dell'arancione della zucca significa che il composto è pronto. Aggiungi il pangrattato per dare la giusta consistenza all'impasto. Deve permetterti di lavorarlo con facilità, senza correre il rischio che la polpettina si sfaldi tra le mani o formi un composto troppo compatto. Premi con un dito e se resta la sua forma allora hai aggiunto la giusta quantità di pangrattato e di farina di riso.
  5. Con le dosi indicate puoi ottenere circa 25 polpette con la zucca di grandi dimensioni. Ovviamente la grandezza dipende dalle tue necessità e preferenze. Adesso prendi una padella e versa l'olio di oliva necessario per la cottura e aggiungi una spruzzata di zenzero per accentuare il gusto della polpetta appena verrà assaggiata. Ricorda di mescolare olio e zenzero per fare in modo che tutte le polpette abbiano lo stesso sapore.
  6. Gira le polpettine fino a creare la crosticina lungo tutta la superficie, poi coprile con un coperchio e abbassa la fiamma in modo da permettere una lenta e profonda cottura delle carni presenti nell'impasto e girale di tanto in tanto. Questa tecnica consente anche di cuocere lasciando morbido il cuore delle polpette. Nel mio caso ci sono voluti tra i 30 e i 40 minuti per completare la cottura di pollo e tacchino che, a differenza delle carni rosse, devono essere sempre ben cotte. In realtà il tempo varia a seconda di molte variabili: potresti impiegarci più tempo perché la padella che utilizzi ha un fondo particolarmente spesso o magari la fiamma dei tuoi fornelli è più bassa di quella che uso io. Ti basterà aprire una polpetta per capire a che punto è la cottura, quando sono pronte puoi servirle e mangiarle immediatamente.

Articolo scritto da Polvere di Riso

Lascia un commento

Hai provato la ricetta? Fai sapere a Benedetta come ti è venuta! Hai dubbi? Chiedi e lei ti risponderà!