COME INTAGLIARE LA ZUCCA PER HALLOWEEN

La festa di Halloween fa ormai parte anche della tradizione italiana e il 31 ottobre si avvicina. All’insegna del gioco di parole “dolcetto o scherzetto” la notte più spaventosa e dolce dell’anno è ormai alle porte. Di origini celtiche, questa festa è diventata immancabile negli Stati Uniti fin dal secolo scorso. La tradizione si è presto diffusa, complice il suo lato commerciale molto marcato, ed è entrata nelle abitudini del mondo occidentale.

Halloween fa rima con zombie, mostri, giochi per bambini ma soprattutto con zucca. Il simbolo per eccellenza della notte degli spiriti è, infatti, la zucca intagliata, la famosa Jack O’Lantern. Per partecipare al meglio alla festa, dunque, non può mancare in casa la zucca dal ghigno sorridente. Ma sai come realizzarla? Ecco tutti i consigli su come intagliare la zucca per Halloween.

 

Un po’ di storia

La zucca sorridente e spaventosa che rappresenta l’anima di Halloween nasce da una leggenda di cui esistono varie origini. La più accreditata fa risalire questa strana lanterna al fabbro irlandese Stingy Jack noto per la sua avarizia e astuzia. Dedito all’ubriachezza, l’artigiano era frequentatore abituale di pub e taverne, e proprio in una di queste incontrò il diavolo. Dopo la sua morte, Jack  che si era preso gioco anche del demonio – fu rifiutato sia dal Paradiso sia dall’Inferno.

Costretto a vagare senza meta né sosta, l’irlandese si lamentò del freddo e del buio. Il diavolo, dunque, gli lancio un ciocco di legno ardente che Jack inserì in una rapa intagliata. Così, il vecchio imbroglione iniziò a girovagare nell’aldilà con quella insolita lanterna senza mai trovare un luogo in cui posarsi. E così sarà fino al giorno del Giudizio.

 

Mettiamoci al lavoro: cosa ti serve per intagliare la zucca

Bando alle cianche: è ora di pensare a realizzare una perfetta zucca per Halloween. Per prima cosa, procurati una zucca della forma adatta. Tieni presente che, in generale, questo tipo di zucca non è commestibile. La sua polpa, infatti, è poco adatta a essere cucinata e anche per questo il prezzo è inferiore. Valuta, dunque, di dover gettare la polpa interna una volta ripulita la zucca.

Oltre alla zucca, ti serviranno:

  • Un coltello ben affilato
  • Un cucchiaio
  • Una matita o un pennarello
  • Panni di cotone
  • Una ciotola
  • Un paio di guanti
  • Fogli di giornale

 

Inizia a pulire la zucca per Halloween

Per prima cosa leva la calotta superiore. Pratica un taglio deciso seguendo, per facilità, una linea precedentemente segnata a matita o con un pennarello. Cerca di seguire una forma a esagono: risulterà più semplice incidere. In questa operazione, arriva fino al piccolo in modo da agevolare lo svuotamento della parte interna.

A questo punto, liberata la parte superiore, procedi eliminando la polpa, i semi e i filamenti. Puoi iniziare con le mani e aiutarti poi con un cucchiaio. Rifinisci, da ultimo, con un coltello per pulire le pareti e raschiare per bene il fondo. Raccogli tutto in una ciotola e ripulisci con un panno per eliminare il liquido fuoriuscito.

Disegna e intaglia

Una volta completate le operazioni viste, armati di un pennarello nero e disegna occhi, naso e bocca della tua lanterna. Se sei più comoda, puoi anche segnare le varie parti su carta modello e riportarle poi sulla zucca. Quindi, con un coltello sottile a lama affilata intaglia seguendo i margini segnati. Lascia sgocciolare e aiutati anche con uno strofinaccio in modo da far asciugare anche le parti interne.

Livella la base in modo che sia ben piatta anche all’interno per appoggiare con sicurezza il lumino o la candela. Non ti resta che accendere lo stoppino e ricoprire la zucca con la calotta che avrai conservato.

Ora goditi la tua notte da brivido!

Articolo scritto da Benedetta

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su COME INTAGLIARE LA ZUCCA PER HALLOWEEN

  • Nadia - 13 novembre 2017 15:45

    Sei bravissima….ti seguo con molto interesse!

    • La Redazione
      La Redazione - 14 novembre 2017 9:07

      Grazie Nadia 🙂