COME PULIRE I CALAMARI

Oggi spiegherò come pulire i calamari in poche e semplici mosse. Il calamaro è il mollusco cefalopode più amato e apprezzato in cucina. Le ricette che possiamo realizzare con questo ingrediente sono tantissime: risotti, zuppe, insalate di mare, senza dimenticare i buonissimi anelli di calamari fritti. Anche se pulire i calamari all’apparenza può sembrare complesso in realtà, seguendo dei semplici passaggi, è un vero gioco da ragazzi! Lo stesso metodo che usiamo per pulire i calamari possiamo utilizzarlo anche per i totani. Vediamo subito come fare!

STEP 1 – STACCARE LA TESTA DAI TENTACOLI

Sciacquiamo il calamaro appena acquistato sotto un getto di acqua fresca. Con una mano afferriamo la testa, con l’altra prendiamo i tentacoli, quindi tiriamo il calamaro dalle parti opposte fino a dividerlo in due parti. Scartiamo subito le interiora; una parte sarà attaccata ai tentacoli, un’altra sarà rimasta all’interno della testa.

STEP 2 – RIMUOVERE IL BECCO

Prendiamo i tentacoli, mettiamoli sottosopra, premiamo leggermente al centro di essi e con l’aiuto di un paio di forbici da cucina eliminiamo il becco. Allo stesso modo tagliamo gli occhi del calamaro sempre aiutandoci con le forbici. Come ultima operazione rimuoviamo fin dove possiamo la pelle dai tentacoli. Se il calamaro è di grandi dimensioni tagliamo via anche le ventose; le ventose, se molto grandi, possono risultare dure dopo la cottura. Come ultima operazione sciacquiamo accuratamente i tentacoli con acqua fresca.

STEP 3 – PULIRE LA TESTA

Infiliamo il dito nella testa del calamaro e rimuoviamo tutti gli eventuali residui di interiora. Stacchiamo anche il così detto osso del calamaro situato all’interno della testa, che appare come una sorta di conchiglia all’allungata trasparente. Il nome di questa parte del calamaro è gladio. Sciacquiamo ancora una volta l’interno della testa sotto l’acqua corrente per eliminare ogni residuo di sporco.

STEP 4 – ELIMINARE LA PELLE

Eliminiamo la pelle del calamaro partendo dalla base della testa verso la parte appuntita. Facciamo una piccola incisione alla base, quindi tiriamola via; anche se sembra un operazione complessa, in realtà la pelle del calamaro verrà via facilmente come una sorta di pellicola. Eliminata la pelle, diamo un’ultima sciacquata alla testa e finalmente il nostro calamaro è pronto per essere cucinato!

CUCINIAMO CON I CALAMARI

Ora siamo pronti ad usare i calamari  in mille ricette diverse… che ne dite di un irresistibile piatto di Anelli di Calamari Fritti? Cliccate sulla foto e scoprite la ricetta!

Articolo scritto da Benedetta

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su COME PULIRE I CALAMARI

  • valentina russo - 20 Agosto 2019 8:43

    io lo rivolto, come un calzino, il calamaro: per pulire bene l’ interno, faccio male?