COME PULIRE IL MATERASSO

Lo sapevi che ogni persona trascorre circa un terzo della propria vita stesa sul materasso? E che proprio il materasso è tra i maggiori ricettacoli di acari e polvere? Ecco, ora, ti sarà evidente come pulire il materasso sia tra le operazioni più importanti nella manutenzione della casa. Il tempo e l’uso quotidiano sono la prima causa di usura dei materassi ma con giusti interventi possiamo fare molto.

La pulizia periodica e l’utilizzo corretto del letto, infatti, ne garantisco la durata e soprattutto l’igiene. E questo, ovviamente, ci farà dormire meglio, con la consapevolezza di avere materassi in ottimo stato. Eviteremo, inoltre, noiose allergie salvaguardando la salute da fastidiosi problemi. Vediamo, quindi, come pulire il materasso per eliminare acari e macchie e conservarlo più a lungo.

 

La manutenzione giorno per giorno

Partiamo da un presupposto: la durata media dei materassi è di circa dieci anni. Per questo, il primo consiglio che ti diamo è quello di trattare bene il tuo materasso quotidianamente. Ogni mattina, quando ti alzi, disfa il letto: togli coperte e lenzuola, solleva e sprimaccia i cuscini, distendi il coprimaterasso. Fai aerare la stanza per circa 15 minuti; non servono ore, un quarto d’ora è sufficiente. In questo modo, infatti, gli acari moriranno ma la polvere non farà in tempo ad accumularsi sul tuo letto.

Nelle belle giornate, poi, cerca di esporre al sole la biancheria da letto in modo che perda tutta l’umidità della notte. Questa, infatti, contribuisce alla proliferazione degli acari. Per lavare lenzuola e coprimaterasso, invece, ricorri a un programma in lavatrice a una temperatura minima di 60 gradi. Puoi arrivare anche a 90 gradi se la biancheria è in cotone ed è particolarmente sporca.  Ricorda che gli esperti consigliano di cambiare la biancheria una volta alla settimana.

 

Porta all’aperto i materassi e aspira la polvere

Abbiamo detto che aerare la stanza uccide gli acari, ma – attenzione – non ne elimina gli esoscheletri! Quindi, oltre alla cura quotidiana, è necessario pulire il materasso in maniera più profonda almeno una volta al mese. Ogni due settimane, se ti è possibile, porta all’aperto i tuoi materassi e sbattili energicamente con il battipanni. Puliscine, poi, cuciture e incavi in modo da eliminare polvere e residui.

Per una pulizia ottimale, a questo punto, passa l’aspirapolvere su entrambi i lati e lungo i bordi. Utilissime sono le spazzole a vapore, che garantiscono un’igiene profonda. In questo caso, dopo aver pulito il tessuto, lascia che asciughi perfettamente prima di rimettere le lenzuola.

Usa il bicarbonato di sodio contro gli odori

Abbiamo visto in diverse occasioni quanto il bicarbonato di sodio sia un alleato prezioso nelle pulizie. E anche per la manutenzione dei materassi puoi ricorrere a esso. Come pulire il materasso con il bicarbonato? Ti basterà versarne un’adeguata quantità sul materasso e lasciarlo agire, magari aggiungendo qualche goccia di olio essenziale prema di spargerlo. Non avere premura: lascia che il bicarbonato agisca per bene anche per diverse ore così da assorbire tutti gli odori.

Trascorso il tempo necessario, passa l’aspirapolvere o sbatti il materasso all’aperto e pulisci le cuciture con una spazzola. Non ti resta che aerare per bene in modo che il tessuto si asciughi completamente e preparare il tuo letto per una sana dormita.

 

Elimina le macchie con l’aceto e limone

Se noti delle macchie sul materasso, puoi intervenire in vari modi. In caso di macchie fresche, utilizza semplicemente un panno inumidito in acqua e tampona senza strofinare. Se, invece, è una macchia di sangue usa solamente acqua fredda o acqua ossigenata. Ancora, se si tratta di urina tampona con della carta assorbente. In caso, poi, di macchie persistenti intervieni usando un po’ di acqua e aceto o limone.

Procedi così: prepara una soluzione con acqua tiepida in cui aggiungerai aceto (mezzo bicchiere) e succo di limone (un terzo). Spruzza la soluzione sul materasso e strofina con un panno fino a far schiarire del tutto la macchia. Lascia asciugare per bene. Il dettaglio finale? Versa su uno straccio morbido alcune gocce di tea tree oil. Oltre a profumare il tessuto, terrà lontani gli acari. Buon riposo!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!