Tutti i trucchi per preparare cotechino e lenticchie

Tutti i trucchi per preparare cotechino e lenticchie

Pubblicità

Che scegliate tra lo zampone o il cotechino, per la notte di San Silvestro non può mancare sulla tavola del cenone di Capodanno questo piatto. Si dice infatti che porti buoni auspici e anche noi ci crediamo davvero! L’origine di servire le lenticchie, poi, sembra sia addirittura latina, di quando i romani usavano regalare una borsa da cintura piena di lenticchie, con l’augurio che si trasformassero in tante monete. Che dire, anche per quest’anno tentar non nuoce! Per preparare bene questo piatto, però, ci sono alcuni consigli che voglio darvi. Ecco, allora, i miei trucchi per preparare bene il cotechino con le lenticchie.

I trucchi per cucinare il cotechino nel modo giusto

Se dovete servirlo ad amici e parenti, prendete intanto un cotechino di buona qualità. Quando posso, preferisco prenderlo fresco in macelleria, ma va bene anche quello precotto, basta che sia un buon prodotto.

Se il cotechino che avete comprato ha la pelle esterna un po’ secca, un trucco è quello di lasciarlo in ammollo per un’oretta. Quindi di avvolgerlo per bene in un canovaccio chiaro e immergerlo in una pentola di acqua fredda, facendolo cuocere inizialmente per una mezz’ora. Passato il tempo bisogna cambiare l’acqua e ripetere la procedura, facendolo bollire per un’altra ora.

Pubblicità

Fate attenzione! Il cotechino non sempre va bucherellato prima della cottura. Dipende da quanto è magra la carne. Se è molto magra non ce n’è bisogno, se invece è più tradizionale e grassa è bene bucarla perché la pressione potrebbe farlo esplodere durante la cottura.

In qualsiasi caso, se avete poco tempo, un trucco furbo è quello di usare la pentola a pressione, che riduce di molto la cottura. Poi, una volta cotto, va lasciato a far intiepidire nel suo brodo a fuoco spento, per far concentrare il sapore.

Come cucinare le lenticchie

Le lenticchie tradizionali da accompagnare al cotechino sono quelle in umido. Ne esistono di tantissimi tipi e, a seconda del tipo di lenticchie che abbiamo, dobbiamo capire se fare o meno l’ammollo. A parte l’etichetta, un trucco è quello di guardare la dimensione. Se sono grandi, dovranno rimanere in ammollo almeno un paio d’ore, perché richiedono una cottura più lunga. Se sono più piccole, invece, si può saltare questo passaggio e cuocerle direttamente.

Pubblicità

Per preparare bene le lenticchie, in ogni caso, bisogna sciacquarle più volte con acqua fredda e poi scolarle con attenzione. È importantissimo preparare un buon soffritto, per poi aggiungere le lenticchie e ricoprirle poi con il brodo per lessarle. A seconda che siano bianche o rosse, si aggiungerà quindi il pomodoro.

Aggiungete anche una o due foglie di alloro. Servirà per limitare i problemi di digestione che le lenticchie come gli altri legumi possono dare. Infine cuocete, per il tempo indicato sulla confezione, e assaggiate. Le lenticchie dovranno risultare morbide, ma senza sfaldarsi!

 

Presente in

Pubblicità

Pubblicità

Commenti (1)

Scrivi un commento
  • Franca

    Ricette semplici ma di gusto

    31 Dicembre 2021 Rispondi

Pubblicità

Benedetta Rossi

Tutti i trucchi per preparare cotechino e lenticchie

Torna su