UNA LAVATRICE PROFUMATA

La lavatrice profumata si può avere usando piccoli accorgimenti che non costano nulla. Se la lavatrice non è ben igienizzata si rischia di ottenere un bucato con odori sgradevoli. Ti può sembrare paradossale ma anche se l’elettrodomestico lavora con il detergente, non si sanifica a fondo se non viene pulito nel modo giusto.
Se questo non avviene, il bucato ne risente e anche se si usano ammorbidenti o detersivi di buona qualità, l’odore non è piacevole.

La sanificazione e l’igiene della lavatrice sono estremamente importanti ed è un vero piacere quando si indossa un capo d’abbigliamento che emana un gradevole profumo.

Lavatrice profumata: come pulirla

La prima cosa da igienizzare è il cestello cioè la parte interna dell’elettrodomestico in cui riponiamo i panni per il lavaggio.
Per compiere questa operazione esistono prodotti reperibili nei supermercati ma puoi usare una parte di acqua miscelata con 1/2 litro di aceto bianco. Versa il contenuto nello scomparto dove si mette il detersivo e fai un lavaggio a vuoto.

In questo modo, permetti alla lavatrice di igienizzarsi. Mi raccomando, non usare più aceto del dovuto altrimenti rischi di rovinare l’elettrodomestico ed avere l’effetto opposto. Attieniti alle dosi consigliate, usa solo la quantità indicate ed imposta il ciclo della lavatrice ad una temperatura calda. L’aceto ha il pregio di assorbire i cattivi odori e di eliminare eventuali incrostazioni.
Una volta completata l’operazione, lascia aperto lo sportello, asciuga alla perfezione il cestello e permetti all’aria di circolare.
Se presumi che l’elettrodomestico abbia delle formazioni di calcare, puoi utilizzare acqua aceto, bicarbonato e gocce di lavanda.
Il calcare e la sporcizia verranno eliminati e gli ingredienti per compiere questa piccola magia sono a basso impatto ambientale e a costo zero. Questi trucchetti non agiscono nell’immediato ma potrebbero occorrere anche 2/3 lavaggi a vuoto ad alta temperatura.

Se la lavatrice continua ad emanare cattivi odori

Se il tuo bucato non è perfettamente profumato e ti accorgi che la lavatrice continua ad emanare cattivi odori, significa che bisogna pulire anche la guarnizione ed il filtro.
Molto probabilmente, la sola pulizia al cestello non è bastata e la lavatrice necessita di un’igiene più approfondita.
Pulire questi elementi richiede pochi minuti ma ti conviene farlo perché la guarnizione sporca danneggia l’intero dell’elettrodomestico.
Lavatrici non curate adeguatamente, presentano guarnizioni in condizioni deplorevoli!
La guarnizione è una delle ‘parti intime’ della lavatrice. Si sanifica con il semplice uso di uno spazzolino e ci vuole davvero poco tempo per assolvere questo dovere.
Anche il filtro non va assolutamente trascurato. Almeno una volta al mese devi provvedere ad estrarre lo sportellino, a pulirlo privandolo di peli, capelli e rimasugli di carta.

Prima di compiere questa operazione, stacca la spina, prendi una bacinella e posizionala in prossimità dello sportellino per raccogliere l’acqua in uscita. Aprilo ed estrai il filtro che metterai sotto il getto d’acqua del rubinetto, per liberarlo di tutte le impurità. Infine, lascia in ammollo il filtro in una soluzione di acqua e aceto e poi riposizionalo al suo posto. Una volta che hai percorso questi passaggi, prova a fare un bucato, con l’accortezza di posizionare pochi indumenti nel cestello. Solo in questo modo i panni possono tornare splendenti e profumati, perché se troppo pigiati non si lavano adeguatamente.
Come ultimo segreto per una lavatrice profumata, consigliamo di infilare mezzo limone in un calzino ogni volta che fai un lavaggio. Il risultato ecologico e naturale permette ai panni di impregnarsi di un gradevole profumo agrumato.
Ti auguro un buon lavoro!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su UNA LAVATRICE PROFUMATA

  • Lumi - 17 Settembre 2018 11:16

    Vorrei sapere per favore le dosi necessarie per eliminare il calcare per la lavatrice. Nel articolo scrive acqua, aceto, bicarbonato e gocce di lavanda, ma no le dosi e il modo di usare.