LUGLIO: IL MESE DI RACCOLTA DELLA LATTUGA

E’ l’estate a regalarci il maggior numero di prodotti della terra: Luglio è il mese di raccolta della lattuga. Quando l’ortaggio offre il meglio di sé, in gusto e proprietà benefiche e, come la natura sa bene, proprio quando ne abbiamo più bisogno. Perché le molte virtù di questa pianta ci aiutano ad affrontare i disagi del solleone, ma non solo.

Lattuga: varietà e caratteristiche

Ortaggio immancabile, disponibile per molti mesi, in diverse varietà. Una verdura facile da coltivare, anche in vaso, perché è poco esigente e si adatta bene a ogni clima, tranne quelli più freddi, dove spesso si produce in serra. Genericamente la chiamiamo insalata, che in realtà è il nome del piatto composto da lattuga ed altri ortaggi di stagione, come pomodori e cetrioli. Il suo nome completo è Lactuca sativa.
Si compone di molte varietà, estive ed invernali, per questo motivo la troviamo disponibile quasi tutto l’anno. Le lattughe estive sono le più comuni ed apprezzate, offrono molta scelta e sono le migliori da consumare crude.

Le varietà principali sono quattro:
− Cappuccina – foglie tondeggianti, morbide e carnose. Ne fanno parte la Batavia bionda e la più conosciuta Trocadero.
− Romana – Cespo di forma oblunga, con foglie a spatola. Comprende la Bionda d’inverno e la Bionda d’estate.
− Iceberg – Rotonda, molto croccante, le foglie alla base hanno un aspetto quasi vetroso. Coltivata in Sardegna, con il nome di Cupettone.
− Lattughino – Le foglie sono ondulate o ricce, il cespo aperto. Le più comuni sono Lollo, Canasta, Gentile.

 

Proprietà della lattuga e benefici

Una verdura fresca, versatile ed economica, ma soprattutto ricca di elementi benefici per il nostro organismo. Con un contenuto di acqua pari al 95% del peso, è diuretica, idratante e depurativa. Combatte la ritenzione idrica e disseta il corpo. Le foglie dell’ortaggio contengono un prebiotico, l’inulina, che non viene digerito ma passa direttamente nell’intestino, agisce sulla flora batterica e favorisce l’aumento di batteri utili.
Un’insalata mista con Trocadero, Iceberg o lattughino, fornisce al corpo un’elevata quantità di vitamine A, C, E, B1 e B2. Antiossidanti importanti per combattere i radicali liberi, responsabili di invecchiamento e degenerazione cellulare. Minerali come ferro, magnesio, calcio, vengono reintegrati in modo naturale, soprattutto in caso di spossatezza e stress causati da afa e caldo eccessivo. Il potassio, presente in buona quantità, contribuisce a regolare i livelli della pressione arteriosa, migliorando la funzionalità dell’apparato cardio-circolatorio.
Meno conosciuta è una particolare proprietà della lattuga, il potere calmante e sedativo. Grazie al lattice (Lattucario) presente alla base del cespo, consumare questo ortaggio la sera favorisce il riposo e calma i nervi, contrastando i disturbi del sonno. Inoltre è un piatto leggero e digeribile.

Uso in cucina

Buona, fresca e veloce da preparare, in insalata diventa piatto unico se accompagnata da tonno, uova, o formaggio. Luglio è il mese di raccolta della lattuga, approfittane per creare piatti sempre nuovi, accostamenti insoliti ma gustosi, che convinceranno anche i bambini, sempre restii a consumare le verdure.
Prepara una veloce insalata con Cappuccina, pomodorini e scaglie di parmigiano, ottimo antipasto, rinfrescante e leggero, che non appesantisce e regala un pieno di vitamine e minerali. Se l’orto è stato generoso, o ne hai acquistata troppa, saltala velocemente in padella, con aglio, olio e peperoncino, senza aggiungere acqua.
Vuoi una ricetta speciale per gli ospiti?

Insalata di lattuga Romana, mela verde e speck croccante

Ingredienti:

− 1 cespo di lattuga Romana
− 1 mela verde
− 100 g di speck a fette
− olio extravergine di oliva
− succo di limone
− sale e pepe

1. Lava la verdura, scola e spezzetta le foglie con le mani, oppure taglia a strisce con un coltello. Trasferisci in una ciotola capiente.

2. Sbuccia la mela, fai delle fettine sottili e dividile a metà, non devono essere troppo grandi. Irrora con succo di limone per non farle annerire.

3. Taglia lo speck a strisce e dividi ogni striscia in tre parti. Scalda una padella e fai saltare per 2 o 3 minuti, il tempo sufficiente a renderlo croccante.

4. Unisci velocemente gli ingredienti nella ciotola e condisci con olio, limone, sale e pepe. Servi subito.

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!