PESCHE SCIROPPATE FATTE IN CASA DA BENEDETTA

Pesche sciroppate
Ricetta e procedimento per fare in casa le pesche sciroppate per gustarle deliziose e croccanti durante tutto l’anno. Gli ingredienti sono solo pesche fresche, acqua e zucchero.

Per la ricetta e l’esecuzione mi sono rivolta a Diana, mia suocera, che fa le pesche sciroppate ogni anno e le vengono benissimo, infatti anche dopo mesi in vasetto rimangono fresche e fragranti come appena fatte.

Ingredienti:
800g di zucchero
2 litri di acqua
4kg circa di pesche preferibilmente tipo giallone o percoche

Come fare le pesche sciroppate

In una pentola prepariamo lo sciroppo con lo zucchero e l’acqua, accendiamo il fuoco e mescoliamo continuamente per far sciogliere lo zucchero. Lo sciroppo è pronto quando l’acqua torna trasparente. Spegniamo il fuoco e lasciamo raffreddare. Nel frattempo prepariamo le pesche, laviamole bene, sbucciamole e togliamo eventuali imperfezioni, manteniamole intere.

Prepariamo i vasetti. Tagliamo le pesche in tre grandi pezzi eliminando il nocciolo, cerchiamo di mantenere una metà intera in modo da avere una mezza sfera.
Sistemiamo la mezza sfera sul fondo del vasetto con la parte piatta in basso. Questa è la base che permetterà agli altri pezzi di sistemarsi fino in cima riempiendo gli spazi, inseriamoli sempre con la parte piatta verso il basso. Riempiamo tutto il vasetto fino all’orlo premendo un po’ se necessario.

Ora versiamo lo sciroppo dentro i vasetti fino all’orlo. Chiudiamo bene i vasetti avvitando con cura. Prepariamo una pentola capiente per il bagnomaria, avvolgiamo ognuno dei vasetti nella carta da cucina e li mettiamo in pentola uno dopo l’altro, riempiamo d’acqua fino a coprirli completamente e accendiamo il fuoco. Da quando l’acqua bolle facciamo passare 3 minuti e spegniamo. Togliamo subito i vasetti dall’acqua e mettiamoli a testa in giù su un panno. Copriamo con un panno e lasciamo raffreddare.

Quando sono freddi li capovolgiamo di nuovo e le pesche sciroppate sono pronte! Sistemiamo una bella etichetta con la data di produzione e potremo tenerle un anno in dispensa, rimarranno fresche e croccanti! Provate anche voi questa ricetta per le pesche sciroppate e se vi è piaciuta condividetela con i vostri amici!

Guardate come usare le pesche sciroppate in questa fantastica crostata di pesche e amaretti!

 

Articolo scritto da Benedetta

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su PESCHE SCIROPPATE FATTE IN CASA DA BENEDETTA

  • Fiona Autiero - 16 Agosto 2019 11:44

    Grazie di cuore! Una ricetta facile e veloce. Provate con le pere, buonissima!

  • Cristina - 8 Agosto 2019 18:19

    Posso sostituire lo zucchero bianco con lo zucchero di canna grezzo?

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 9 Agosto 2019 13:57

      Ciao Cristina sì certo:)

  • Giulia - 7 Agosto 2019 17:36

    Ciao! Volevo provare a farle, ma non ho capito un passaggio: i vasetti, prima di metterli nell’acqua per la sterilizzazione, con cosa devo avvolgerli? Nella ricetta c’è scritto carta da cucina, cosa si intende?
    Grazie!!

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 7 Agosto 2019 17:51

      Ciao Giulia i classici rotoloni di carta da cucina 🙂

  • Anna - 7 Agosto 2019 10:54

    Fantastiche! Volevo chiedere se il vasetto una volta aperto va tenuto in frigo e quanti giorni dura. Grazie, sei favolosa! 🤩

  • Marianna - 3 Agosto 2019 16:58

    Si può mettere meno zucchero??????

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 5 Agosto 2019 14:09

      Ciao Marianna per questo genere di ricette lo zucchero funge da conservante, quindi ti consiglio di non variarla 🙂

  • Alessandra - 30 Luglio 2019 21:20

    ciao Benedetta, sei bravissima e simpaticissima. volevo chiederti, hai detto che la prima pesca nel barattolo deve essere messa dalla parte piatta, ma non ho capito se appogiata dalla parte dove cera il nocciolo, cincava, i nella parte convessa ossia quella esterna dobe era la buccia. grazie mille.

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 31 Luglio 2019 10:07

      Ciao Alessandra la parte piatta sarebbe la parte dove c’era il nocciolo 🙂

  • Elvira Gioppo - 30 Luglio 2019 14:31

    Ciao, perché non si possono riutilizzare i coperchi ?

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 31 Luglio 2019 10:09

      Ciao Elvira in generale i coperchi sono monouso e da cambiare ad ogni nuova conserva 🙂

  • Francesca - 22 Luglio 2019 12:02

    Ciao! Non ho capito una cosa nei vari passaggi… i coperchi dei vasetti devono essere nuovi e quindi una volta bolliti devono fare il sottovuoto o non è necessario?

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 22 Luglio 2019 16:20

      Ciao Francesca devono essere nuovi e sterilizzati con la bollitura 🙂

  • ANDREA - 5 Ottobre 2018 14:20

    Stupendo
    Stupendo

  • Emanuela - 28 Agosto 2018 22:22

    Ciao, volevo sapere se si possono mangiare subito o bisogna aspettare del tempo?

    • Benedetta Rossi
      Benedetta - 29 Agosto 2018 8:54

      Puoi mangiarle subito Emanuela 🙂

  • Piazza Beatrice
    Piazza Beatrice - 4 Febbraio 2018 12:09

    ciao volevo chiederti quanto tempo possiamo tenerli nell’armadio?

    • La Redazione
      La Redazione - 5 Febbraio 2018 15:10

      Ciao, seguendo tutto il procedimento incluso il passaggio devi vasetti già pieni a bagnomaria, durano un anno

      • Piazza Beatrice
        Piazza Beatrice - 10 Febbraio 2018 9:21

        grazie mille