Pinsa romana

Un’alternativa leggera alla pizza, perfetta da servire al posto del pane o per farcirla e renderla un delizioso piatto unico o uno stuzzichino per l’aperitivo.

Stagione
Tutte le stagioni
Ingredienti
8
Facilità
standard
Pronto in
1 ora e 10 minuti

Pubblicità

La pinsa romana è una vera prelibatezza che negli ultimi anni si è diffusa in tutta Italia ed è comparsa nei menù di tanti tipi di ristoranti. Possiamo prepararla in casa con una ricetta semplice che richiede giusto di organizzarsi con i tempi perché ci sono diversi tempi di riposo. Vedrete che ne varrà la pena, anche perché poi possiamo servirla in mille modi, per esempio per l’aperitivo o come sfiziosi piatto unico.

Pinsa romana ricetta da fare a casa

Perfetta come alternativa più leggera e più digeribile della pizza, la pinsa è un piatto molto versatile che possiamo preparare e farcire in mille versioni.

Ma cos’è la pinsa romana? Si tratta di una sorta di focaccia, un pane lievitato che in genere ha una forma ovale o rettangolare e che si prepara con un mix di farine diverse, per la precisione tre. L’impasto per pinsa romana richiede infatti farina di frumento di tipo 0, farina di soia e farina di riso, che si lavorano con acqua fredda, lievito fresco, sale e olio extravergine d’oliva.

Il trucco per farlo risultare friabile e leggero sta nei tempi di riposo. Mentre si impasta, si mette a più riprese l’impasto a riposare per mezz’ora, poi si fa riposare una giornata intera e una volta sporzionato in palline si fanno riposare ancora anche quelle. A quel punto diamo la classica forma allungata a sua maestà la pinsa romana e cuociamo in forno alla massima potenza per pochi minuti.

Pubblicità

Pinsa romana
Pinsa romana

Come servirla

Ci sono almeno tre modi di gustare le pinse romane. Il più semplice è di lasciarle bianche, condirle con olio, sale e rosmarino e metterle in tavola a tocchetti, al posto del pane. In alternativa, si possono impiattare e condire con ingredienti a crudo.

Il terzo modo è quello che prevede un secondo passaggio in forno dopo la farcitura e che consigliamo agli amanti dei piatti con formaggio filante. In questo caso, per non rovinare la nostra pinsa fatta in casa, togliamo uno o due minuti di cottura, farciamola con ingredienti a piacere e poi inforniamola nuovamente con la farcitura che abbiamo scelto.


Vi è venuta fame, siamo sicuri. Bando alle ciance, vediamo insieme come si fa la pinsa romana e fateci poi sapere come l’avete servita!

Preparazione
30 minuti
Cottura
40 minuti
Tempo totale
1 ora e 10 minuti *

*+ 27 ore di riposo

Il Libro d’Oro

Tutte le mie ricette più amate

Ingredienti

Dosi per pinse 8 pinse
  • 900 g farina 0
  • 100 g farina di soia
  • 50 g farina di riso
  • 800 ml acqua fredda
  • 5 g lievito di birra fresco
  • 20 g sale fino
  • 18 g olio extravergine di oliva
  • farina di semola di grano duro rimacinata q.b.

Dosi calcolate sulla ricetta originale (per 8 pinse)

Gli utensili di Benedetta

Bilancia digitale

Bilancia da cucina digitale ad alta definizione che tiene 1 grammo di pesata minima, con display LED ripiegabile a scomparsa. Dispone di 3 unità di misura: grammi, once e millilitri, perfetta per misurare con precisione ingredienti solidi e liquidi. Ha una capacità massima di misurazione di 5 kg. Abbinata una ciotola in acciaio inox 18/10 igienico.

€ 19,90 Compra ora

Pubblicità

Preparazione

Come fare: Pinsa romana

Pinsa romana - Step 1

Inseriamo nella ciotola della planetaria la farina 0, quella di soia e quella di riso.

Pinsa romana - Step 2

Azioniamo il gancio per miscelarle e ottenere una polvere omogenea.

Pinsa romana - Step 3

Diluiamo il lievito in poca acqua, aggiungiamolo alle farine e azioniamo la planetaria.

Pinsa romana - Step 4

Mentre il gancio lavora, aggiungiamo un po’ d’acqua.

Pinsa romana - Step 5

Teniamo da parte circa 40 millilitri d’acqua e versiamo il resto nella planetaria in funzione.

Pinsa romana - Step 6

Quando l’impasto inizia a formarsi ma risulta slegato, copriamo con un canovaccio la planetaria e lasciamo riposare 20 minuti.

Pinsa romana - Step 7

Con un cucchiaio ricaviamo un solco al centro dell’impasto e versiamoci il sale.

Pinsa romana - Step 8

Aggiungiamo l’acqua che avevamo tenuto da parte.

Pinsa romana - Step 9

Riposizioniamo il gancio e riprendiamo a impastare.

Pinsa romana - Step 10

Con la planetaria in funzione, versiamo a filo l’olio.

Pinsa romana - Step 11

Quando l’olio risulta totalmente incorporato e l’impasto è omogeneo, copriamo nuovamente con il canovaccio e lasciamo riposare altri 20 minuti.

Pinsa romana - Step 12

Ungiamo con dell’olio d’oliva la spianatoia.

Pinsa romana - Step 13

Versiamo l’impasto sulla spianatoia unta, allunghiamolo verso destra e verso sinistra con le mani.

Pubblicità

Pinsa romana - Step 14

Richiudiamo verso il centro.

Pinsa romana - Step 15

Trasferiamo l’impasto in una ciotola, copriamo con la pellicola per alimenti e lasciamo riposare 20 minuti.

 

Pinsa romana - Step 16

Riprendiamo l’impasto e facciamo le pieghe sul piano unto: stendiamo verso destra e sinistra, ripieghiamo al centro.

Pinsa romana - Step 17

Chiudiamo dando una forma tondeggiante all’impasto.

Pinsa romana - Step 18

Facciamo lo stesso con le estremità superiore e inferiore: stendiamo e poi ripieghiamo i lembi verso il centro.

Pinsa romana - Step 19

Mettiamo la palla di impasto nuovamente nella ciotola, copriamo con la pellicola per alimenti e lasciamo riposare per altri 20 minuti. Successivamente ripetiamo questa operazione un’ultima volta: rifatte le pieghe, lasciamo l’impasto a riposare nella ciotola coperta in frigorifero (tra i 4 e i 6 °C) per circa 24 ore.

Pinsa romana - Step 20

Riprendiamo definitivamente l’impasto, spolverizziamo con la semola sul piano di lavoro e dividiamolo a metà.

Pinsa romana - Step 21

Sporzioniamo le due metà in modo da ricavare 6-8 pezzi in totale, a seconda della dimensione che vogliamo dare alle pinse.

Pinsa romana - Step 22

Lavoriamo ciascun pezzo rapidamente con le mani per formare delle palline.

Pinsa romana - Step 23

Copriamo con un canovaccio le palline e lasciamole riposare 30 minuti.

Pinsa romana - Step 24

Stendiamole a mano una alla volta sempre sul piano infarinato con semola, utilizzando delicatamente i polpastrelli per non schiacciare troppo l’impasto.

Pinsa romana - Step 25

Trasferiamo la pinsa su una teglia foderata di carta forno e cuociamo nel forno preriscaldato a 250 °C per 4-5 minuti. La pinsa deve risultare leggermente dorata ma ancora soffice e bollosa, non secca e croccante.

Pinsa romana - Step 26

Ecco la nostra pinsa romana pronta da servire e guarnire a piacere!

Pinsa romana - Step 27

Consigli

Come condire la pinsa romana? Liberiamo la fantasia o ispiriamoci a una delle tante ricette già esistenti. Per esempio, possiamo usare erbette ripassate, ricotta, pesto e mortadella, pomodori, burrata e prosciutto e tutto quello che ci va.

La pinsa romana farcita si può anche non ripassare in forno, in molti casi è proprio quella la sua particolarità: una base calda e friabile e una guarnizione fresca e saporita.

Conservazione della pinsa romana

La pinsa alla romana è ottima appena fatta, ma se ce ne rimane un po’ mettiamola in frigo ben coperta con la pellicola per alimenti e consumiamola entro il giorno dopo.

Pubblicità

Pubblicità

Valuta la ricetta

4.8

5 voti

Esprimi il tuo voto

Commenti

Ancora nessun commento pubblicato.

Pubblicate il primo commento e ditemi se la ricetta vi è piaciuta: mi scrivete e mi fate sapere com’è andata?

Scrivi un commento
Nessun file selezionato Seleziona foto

Pubblicità

Buon’Idea

Pinsa romana

Nessun file caricato Carica la foto

Fatte in casa da voi

Carica una foto e condividi il risultato

Al momento non ci sono immagini delle vostre ricette

Caricate una foto e condividete il risultato

Carica la tua foto

Pubblicità

Buon’Idea

Pinsa romana

Torna su