Come riutilizzare le bucce in cucina


Lo avrete certamente notato anche voi: quando cuciniamo e puliamo verdure e ortaggi, oltre alla frutta, si scartano tantissime bucce. Ci verrebbe automaticamente di buttarle, ma in realtà le bucce di frutta e verdura non sono scarti.

Se siamo sicuri della loro provenienza – come per me che ho le verdure del mio orto e la frutta dei miei alberi – per consumarle possiamo anche fare a meno di toglierle, perché sono perfettamente commestibili. Se invece le togliamo non le gettiamo via! Possiamo riutilizzarle in tantissimi modi, per ricette, pulizia della casa anche per prodotti di bellezza fatti in casa. Vi insegno come riutilizzare le bucce in cucina e non solo.

Chips e frittelle

Per preparare delle chips sfiziose come aperitivo e molto gustose potete utilizzare le bucce di patate, carote, zucca ma anche di frutta come mele e pere, a patto che siano davvero biologiche. Bisogna asciugarle e poi metterle su una teglia con carta da forno, irrorarle di olio, quindi cuocerle finché non saranno belle croccanti. In alternativa potete utilizzare le bucce per preparare delle frittelle, tagliandole prima a julienne e poi componendo dei piccoli rosti. Oppure aggiungerle a una frittata.

Dado vegetale

Le bucce di carote, cipolle, patate e le foglie e le coste più dure del sedano non si buttano via! Insieme a poco olio e del sale e altre spezie a piacere, magari i gambi del prezzemolo, sono perfette per preparare un dado vegetale fatto in casa! Un trucco furbo? Se non riuscite a mettere da parte abbastanza bucce per prepararlo conservatele un po’ alla volta in un sacchetto in freezer. Quando ne avrete abbastanza potrete seguire la ricetta.

Torte salate 

10 TORTE SALATE CON LE VERDURE DI PRIMAVERA

 

Le torte salate sono perfette per inserire le bucce tra gli ingredienti. Una buona farcitura, per esempio, si prepara pulendo e frullando le foglie e le coste del broccolo romano, che di solito tendiamo a scartare. Bisogna prima sbucciarle, quindi cuocerle a vapore o in padella con gli odori che preferiamo. Quindi frullarle e utilizzarle come crema insieme agli altri ingredienti che abbiamo scelto per la torta, per esempio uova, speck e formaggio grattugiato. Provate anche con la mia ricetta della sbriciolata salsiccia e broccoli! Il risultato vi stupirà.

Vellutate

Vellutata zucca e carote

Avete già frullato le bucce? Aggiungetele alle vostre vellutate! Visto che possono cuocere un po’ più a lungo, anche le foglie più fibrose che avevate inizialmente scartato diventeranno più morbide. E il piatto sarà ancora più saporito.

Pesto e creme

Esattamente come per la farcitura delle torte salate, le bucce delle verdure sono ottime per preparare condimenti veloci per la pasta, come il pesto, o creme da spalmare sui crostini. Basta cuocerle con gli odori che si preferiscono, in padella o al vapore, e poi frullare il risultato, aggiungendo magari altri ingredienti come spezie, olio e anche frutta secca.

Composte e marmellate

composta di mele

Con le bucce della frutta, invece, si possono preparare composte e marmellate, per la colazione, ma anche da accompagnare a un bel tagliere di formaggi. È sempre importantissimo che i frutti non siano stati trattati! E, in questo caso, si può riutilizzare davvero tutto.

Tisane

Se per esempio vi sono avanzate le bucce di limoni e arance, insieme a quelle delle mele, compresi i piccioli, potete mettere tutto a bollire nell’acqua insieme a qualche chiodo di garofano e a una stecca di cannella per preparare un’ottima tisana invernale con cui scaldarvi.

Liquori 

limoncino fatto in casa

Le scorze di limoni, private della parte bianca, sono proprio quelle che uso per preparare il mio limoncino, che è sempre utile da avere a disposizione per consumare o regalare. E allo stesso modo preparo il mandarinetto. Utilizzo solo bucce di agrumi non trattati, visto che la buccia è la parte più esposta all’inquinamento.

Scorze candite e in polvere

Un altro modo molto dolce di riciclare le bucce degli agrumi è di essiccarle per candirle. Così nascono le scorzette di arance, da utilizzare per preparare dolci oppure da ricoprire con il cioccolato, e si possono preparare anche di limone, mandarino, clementine. Confezionate in sacchetti trasparenti sono un ottimo pensiero per amici e parenti! In alternativa le bucce di agrumi le possiamo anche seccare e poi tritare in polvere, per insaporire creme dolci e utilizzarle per farcire torte e crostate, così come condire insalate o preparare dei cocktail alla frutta fatti in casa.

Pulizie di casa e sacchetti profumati

Bucce e succo di limone sono alleati ideali, insieme ad aceto e bicarbonato, per fare le pulizie in casa in maniera del tutto naturale. Le scorze del limone e della mela, per esempio, sono perfette per lucidare pentole, fornelli e posate, così come pulire bene la caffettiera, mettendone a bollire alcune nell’acqua. Le bucce di patata, invece, si possono utilizzare insieme a bicarbonato e aceto per combattere la ruggine. E se non avete usato una parte delle scorze d’arancia, mettetele in un sacchetto di cotone e utilizzatele per profumare i cassetti o appoggiatele sopra i termosifoni. Terranno lontane anche le tarme!

Nuove piante

Avrei dovuto dirvelo subito, ma mi sono tenuta il meglio per la fine. Gli scarti di verdura e frutta si possono piantare! E coltivare. Sedano, porri, la parte finale dei cipollotti, il torsolo della lattuga, ma anche la corona dell’ananas e il pezzetto finale della banana, se messi nella terra con un po’ di pazienza ricresceranno. E quel poco che rimarrà, alla fine di questo riciclo, si potrà usare per arricchire il compost.

Articolo scritto da Benedetta

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!

COMMENTI

Tutti i vostri commenti su Come riutilizzare le bucce in cucina

  • Franca Carotti - 9 Gennaio 2022 15:09

    Sempre più forte!!!