FERTILIZZANTI NATURALI FAI DA TE PER LE PIANTE

Tutte noi sogniamo di avere il pollice verde e di godere in casa di piante sane e rigogliose. In realtà, non serve essere dei maghi per coltivare al meglio il nostro verde né tantomeno spendere cifre eccessive. Ovviamente, però, servono cure e attenzioni specifiche per poter avere un bell’angolo fiorito sul balcone o in giardino.

Che si tratti di un piccolo orto o di spazi più ampi, le piante richiedono la giusta dose di fertilizzanti. Questi sono nutrienti fondamentali per garantirne la fioritura e la durata nel tempo. Il terreno, infatti, deve essere sempre fertile per fornire le sostanze di cui la pianta ha bisogno per svilupparsi.

In commercio ci sono concimi di ogni tipo e per ogni pianta ma tutti risultano inquinanti per l’ambiente. Inoltre, queste sostanze chimiche possono essere dannose anche per l’uomo. Perché, allora, non provare a usare fertilizzanti naturali? Si possono, infatti, realizzare ottimi concimi usando semplici ingredienti che abbiamo in casa. Ecco quali come ottenere fertilizzanti naturali fai da te per le piante.

 

Fondi di caffè e cenere

Partiamo dall’ingrediente, forse, più noto per fertilizzare il terreno delle piante, cioè i fondi di caffè. Abbiamo già parlato dei tanti modi di usare il caffè che è utile anche per il nostro verde domestico. Contiene, infatti, azoto e antiossidanti che arricchiscono il terriccio. Basta spargere i fondi sul terreno di azalee, rose, rododendri, camelie e sempreverdi per nutrire adeguatamente queste piante. In più, i fondi di caffè hanno anche azione repellente contro lumache e parassiti vari.

Anche la cenere del camino è salutare per concimare le piante. Si tratta, infatti, di un fertilizzante naturale ricco soprattutto di potassio e fosforo. Attenzione, però: si utilizza solo la cenere da legna non trattata né verniciata perché queste, al contrario, potrebbero inquinare il terreno. Per ottenere un prodotto ottimale, mescola la cenere (circa 200 gr per m2) al terriccio. Quindi spargi il tutto alla base della pianta.

Bucce di banana, gusci d’uovo e acqua di cottura delle verdure

Le bucce di banana sono ricche in potassio, sostanza nutritiva anche per il nostro verde. In particolare, possono essere usate per fertilizzare l’orto e le piante sul balcone secondo due procedure. Anzitutto, si possono triturare le bucce e semplicemente distribuirne i pezzetti a qualche centimetro di profondità. In alternativa, si possono far macerare in acqua per un paio di settimane e con uno spray distribuire il liquido.

Se le tue piante soffrono per la presenza di parassiti o lumache, prova con i gusci d’uovo. Lavali, triturali e sotterrali nel terriccio, che si arricchirà anche di carbonato (ottimo per i pomodori, ad esempio). E a proposito di verdure, una volta che le hai fatte bollire puoi usare l’acqua di cottura per annaffiare le piante. In questo caso, però, fai attenzione che la verdura cotta sia del tuo orto o comunque biologica. La presenza di pesticidi o altre sostanze chimiche può danneggiare il terreno.

 

Macerato di ortica, infusi e vino rosso

Un altro modo per concimare naturalmente il verde in casa prevede l’uso dell’ortica. Mettine mezzo chilo in 10 l d’acqua e lascia macerare per qualche ora. Il liquido che si ottiene non solo arricchisce il terriccio ma previene alcune malattie delle piante e le rinforza. Anche le foglie fresche, inoltre, possono essere utilizzate come fertilizzante; ti basterà interrarle a qualche centimetro di profondità.

Infine, gli infusi di erbe possono davvero fare miracoli anche in giardino. Dalla camomilla alle alghe, dalla calendula al tarassaco, ma anche le bucce di verdura, sono utili per arricchire il terreno. È sufficiente mettere qualche cucchiaino di calendula o tarassaco in 250 ml d’acqua bollente. Lascia riposare fino a che l’infuso si raffreddi e, poi, versane in piccole dosi nel terreno (meglio se in vaso).

Anche il vino rosso, da ultimo, è benefico per irrobustire le radici: come per l’uomo, però, non bisogna esagerare! Buona coltivazione!

Articolo scritto da Redazione

Lascia un commento

Discuti di questo articolo con gli altri utenti della community!