Come pulire la friggitrice ad aria

Come pulire la friggitrice ad aria

Pubblicità

Come per tutti gli elettrodomestici che abbiamo in casa, anche la friggitrice ad aria richiede una corretta manutenzione per poter rimanere efficiente a lungo nel tempo. Non soltanto, quindi, dobbiamo acquistare un prodotto di buona qualità, ma dobbiamo anche prendercene cura con un’accurata pulizia.

Tra i vantaggi della friggitrice ad aria, o airfryer, c’è il fatto che il cestello in cui si cucina si può estrarre e lavare in lavastoviglie. Il cestello, però, non è l’unico elemento di questo elettrodomestico che deve essere pulito. Oggi, allora, voglio insegnarvi tutti i miei trucchi e consigli su come pulire bene la friggitrice ad aria.

La friggitrice ad aria va pulita quando è ben fredda

La prima regola da seguire per pulire bene la friggitrice ad aria è aspettare che sia fredda. Non tiepida, si deve essere proprio raffreddata del tutto! E non soltanto per una questione di sicurezza, ma soprattutto perché si potrebbe danneggiare. E non bisogna freddarla sotto l’acqua. Può succedere, per esempio, che le parti della scocca esterna, che di solito sono in plastica, si spacchino.

Pubblicità

Come pulire il cestello della airfryer

Normalmente il cestello della friggitrice ad aria si può lavare in lavastoviglie. Leggete bene le istruzioni. E ve lo ricordo: bisogna mettercelo quando è ben freddo! Di solito, visto che per cucinare nella airfryer si usa poco olio, non si crea molto sporco. Sicuramente meno di quello dei forni tradizionali! Lo sporco, però, dipende anche da cosa vi abbiamo cucinato.

In generale è buona norma pulire il fondo raccogliendo lo sporco o l’olio che è scolato in modo da avere il cestello quanto più pulito possibile. E farlo il prima possibile! Se ci sono incrostazioni o macchie di grasso si può procedere con un ammollo, con un po’ di acqua e sapone, per circa una mezz’oretta, quindi ripulire e poi mettere a lavare.

Come pulire la resistenza

Una volta rimosso il cestello, bisogna pensare a pulire anche la resistenza. È quella che, infatti, mentre la friggitrice ad aria è accesa, riceve più schizzi dal cibo in cottura! Per pulire la resistenza bisogna procedere così: togliere il cestello, ribaltare la friggitrice ad aria e, con una spugna inumidita con acqua e pochissimo sapone, procedere a pulirla pian piano. Si può anche utilizzare acqua con un po’ di limone oppure aceto Mi raccomando anche stavolta: la resistenza deve essere fredda! E va poi asciugata per bene.

Pubblicità

Limone o aceto contro i cattivi odori

Soprattutto se abbiamo cucinato alimenti come il pesce, può succedere che i cattivi odori rimangano nella friggitrice ad aria. Niente paura! Per toglierli si può utilizzare il limone. Basta tagliarlo a metà e strofinarlo all’interno del cestello, lasciare agire per una mezz’ora, quindi sciacquare e poi asciugare con cura. E gli odori andranno via naturalmente!

Un’alternativa valida, se gli odori non vanno via, è questa. Mettere sul fondo del cestello, senza griglia, una soluzione composta da una parte di aceto e cinque di acqua. Quindi accendere l’airfryer a 180-200°C e lasciar “cuocere” questa soluzione fino a quando non sarà quasi del tutto evaporata.

Errori da evitare: usare lo sgrassatore spray

Anche se è un ottimo alleato in cucina, soprattutto per lo sporco più ostinato, lo sgrassatore spray non deve essere mai utilizzato per pulire la nostra friggitrice ad aria. Prima di tutto, perché è molto aggressivo e rischia di rovinarne i pezzi, soprattutto la parte esterna. Il secondo motivo è che le sostanze chimiche di cui è composto sono troppo “forti” e rischiano di non essere risciacquate correttamente dalle varie componenti della friggitrice ad aria, soprattutto quelle interne.

Presente in

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Benedetta Rossi

Come pulire la friggitrice ad aria

Torna su